Innovazione

La guida assistita riduce l'attenzione dei conducenti

Uno studio dimostra che i sistemi di guida assistita cambiano le "abitudini visuali" dei conducenti, che si concentrano meno sulla strada e sono più portati a distrarsi.

Il sospetto lo avevano già in tanti: i sistemi di guida assistita particolarmente evoluti, come l'autopilot di Tesla, spingono i conducenti a essere meno attenti a ciò che succede sulla strada, e in qualche caso li inducono a delegare totalmente alla tecnologia la gestione del veicolo e a dedicarsi a tutt'altro durante il viaggio. Ebbene, quello che fino a oggi era solo un dubbio è stato confermato da uno studio scientifico recentemente condotto dai ricercatori del MIT: quando il conducente inserisce il pilota automatico, smette di guardare la strada e concentra lo sguardo su zone della vettura che poco o nulla hanno a che fare con la guida.

Cerchiamo di capirci! Eppure Tesla e le altre case automobilistiche sono molto chiare a riguardo: il sistema di guida assistita è un ausilio in grado di coadiuvare il concedente nella maggior parte delle situazioni, non è un sistema di guida autonoma in grado di funzionare senza supervisione. Lo studio del MIT è stato decisamente lungo: i ricercatori hanno iniziato a collezionare dati sulla guida assistita a partire dal 2016, piazzando all'interno di alcune Tesla dotate di autopilot una serie di speciali telecamere in grado di seguire gli occhi del pilota. Le auto hanno viaggiato per oltre 800.000 km, permettendo così ai ricercatori di raccogliere una grande mole di dati.

A fare distrarre i conducenti sarebbe la vettura stessa: secondo i dati raccolti la maggior parte delle occhiate lontane dalle strada è stata rivolta al grande schermo posizionato al centro del cruscotto della Tesla. Non solo: quando l'autopilot è attivo, gli sguardi al quadro ricco di informazioni sono più lunghi e "concentrati" rispetto a quando si sta guidando attivamente. Insomma, numeri, grafici e lancette digitali che riportano tutti i dati relativi al viaggio e alle performance della vettura catturano l'attenzione più del panorama.

Occhi sulla strada, mani sul volante. Si tratta, è bene sottolinearlo, di un comportamento pericoloso: il cambiamento di comportamento del conducente, spiegano gli scienziati nello studio, rischia di innescare pericolose abitudini che potrebbero essere difficili da cambiare quando l'autopilot è spento. Ad oggi Tesla verifica l'attenzione del conducente durante la guida assistita misurando la pressione esercitata dalle mani sul volante, ma non tiene conto di dove spazia lo sguardo di chi è seduto ai comandi.

20 ottobre 2021 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us