Innovazione

Auto senza conducente: hackerandone una ogni 10 si bloccherebbe Manhattan

Trentaseimila veicoli controllati da malintenzionati sarebbero sufficienti per paralizzare del tutto il traffico nella Grande Mela, e arrestare i servizi di bloccare essenziali.

Trentaseimila veicoli autonomi "infiltrati" e comandati da un hacker basterebbero a bloccare ogni forma di mobilità su strada a Manhattan. A delineare uno scenario altamente improbabile - il "peggiore possibile" nelle parole stesse dei ricercatori - è un gruppo di scienziati del Georgia Institute of Technology di Atlanta (USA).

Finora le simulazioni sulla sicurezza dei veicoli autonomi si sono concentrate sul (difficile) rapporto con i pedoni. Un cyber attack a un'auto autonoma è complicato, ma non impossibile, e potrebbe risolversi con la vettura nel completo controllo di un "pirata della strada" che agisca da remoto. Lo scenario è particolarmente inquietante se si pensa a cosa potrebbe fare un'auto "impazzita" in una città affollata: una vettura connessa piratata potrebbe trasformarsi in un'arma in movimento.

I diversi colori indicano nuclei di strade comunicanti. Come si vede, mano a mano che (spostandosi verso destra) aumenta il numero di auto hackerate, i "gruppi" di arterie restano sempre più isolati, e la città si frammenta. © Skanda Vivek/ Georgia Tech

Ferme all'improvviso. In questo caso, il team si è concentrato su quello che accadrebbe se una certa quantità di smartcar venisse hackerata contemporaneamente. Un attacco che coinvolga soltanto il 10% dei veicoli totali di Manhattan sarebbe sufficiente a paralizzare il traffico su ruote in città e bloccare i servizi di emergenza (camion dei pompieri, ambulanze). Nelle loro simulazioni i ricercatori hanno arrestato veicoli a caso su strade da 2 a 6 corsie.

Nell'85% dei casi, il traffico si è bloccato completamente. Hackerare 13 auto a chilometro per corsia basterebbe a paralizzare l'intera città: l'ingorgo di traffico si diffonderebbe facilmente perché le varie aree di Manhattan sono altamente connesse da reti viarie. Il traffico non si bloccherebbe del tutto soltanto nelle aree e negli orari con pochi veicoli su strada, ma anche in quel caso la velocità di scorrimento diminuirebbe.

Un baco di sistema. Per Simon Parkinson, informatico ed esperto in cybersecurity presso l'Università di Huddersfield, Regno Unito, lo studio è il primo a quantificare la portata di un attacco su vasta scala ai veicoli autonomi. Una simile situazione è però assai improbabile: è più facile che si verifichi un blocco del genere in seguito all'aggiornamento di un software finito male. Senza contare che, se l'obiettivo fosse paralizzare una città, si farebbe prima ad hackerare i sistemi "connessi" di segnaletica stradale, capaci di comunicare con i veicoli e regolare il traffico di conseguenza.

13 marzo 2019 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us