Innovazione

Arriva in Italia la campagna europea contro la vivisezione

Chiesto divieto di test.

“Le atrocità non sono meno atrocità quando avvengono nei laboratori e sono chiamate ricerca medica”: così scriveva George Bernard Shaw circa cento anni fa, ma ancora oggi sono in molti a non pensarla in questo modo. Numerosissime companies utilizzano la vivisezione per qualsiasi tipo di prodotto, giustificati dalla presunta mancanza di metodi alternativi che garantiscano i risultati desiderati.

Oggi sappiamo che non è così, che sono utilizzabili le colture cellulari provenienti da biopsie e interventi chirurgici, in modo da poter risparmiare la vita di circa quattrocentomila animali all'anno. Se ne sono accorti anche la Commissione europea e il parlamento europeo, i quali hanno programmato per il 2013 il divieto assoluto di testare sugli animali e commercializzare queste materie prime cosmetiche. L'unico problema è che le due istituzioni stanno riflettendo sull'ennesimo slittamento di data: per questo motivo il diciotto gennaio è stata avviata la Campagna Europea Antivivisezione, voluta dalla coalizione Eceae che include molte associazioni animaliste, compresa la Lav italiana.

Questa battaglia è sostenuta da diversi personaggi, politici, aziende cosmetiche e volontari che porteranno la petizione in giro per le piazze italiane, soprattutto durante le giornate italiane di mobilitazione del 2-3 e del 9-10 aprile. Ciò che più stupisce è la disattenzione e il tacere dei media davanti ai passi in avanti attuati: nel 2004 è stata proibita la vivisezione per quanto riguarda il prodotto “finito” e nel 2009 è stato attivato il divieto di testare anche le materie prime, con l'esonero di soli tre test. Adesso è arrivato il momento di eliminare le macchie di queste inutili atrocità dai nostri prodotti in maniera definitiva, mostrandoci più informati e critici in quelle che sono le scelte più importanti, ovvero nelle scelte quotidiane.

Scritto da: Alice Ajmar

Photo credits: http://www.flickr.com/photos/redbanshee/5023179327/

24 gennaio 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us