Arriva dal Giappone il nuovo aereo supersonico

Successo per un test dell'erede del Concorde: un aereo in grado di viaggiare a Mach 2 (due volte la velocità del suono). Sarà pronto - forse - per il 2015.

20051011113836_8

Arriva dal Giappone il nuovo aereo supersonico
Successo per un test dell'erede del Concorde: un aereo in grado di viaggiare a Mach 2 (due volte la velocità del suono). Sarà pronto - forse - per il 2015.
Il prototipo del nuovo, velocissimo (supera due volte la barriera del suono) aereo giapponese. Il lancio è avvenuto agganciando il velivolo supersonico a un razzo. Guarda il filmato (3Mb).
Il prototipo del nuovo, velocissimo (supera due volte la barriera del suono) aereo giapponese. Il lancio è avvenuto agganciando il velivolo supersonico a un razzo. Guarda il filmato (3Mb).
Il nuovo Concorde sarà giapponese? Probabilmente sì, se l'agenzia spaziale nipponica (Jaxa) riuscirà a dare seguito all'esperimento appena concluso nel deserto australiano: far volare e atterrare un prototipo di aereo supersonico in grado di volare a Mach 2 (due volte la velocità del suono). Nei piani dei costruttori dovrebbe sostituire il Concorde (in pensione dal 2003) entro il 2015.
Prova impeccabile. Il prototipo, lungo poco più di 11 metri, spinto da un missile, è partito dalla base di Woomera (Australia); si è staccato dal vettore a un'altezza di 20 mila metri circa e ha compiuto il suo tragitto prestabilito alla velocità massima di Mach 2; è poi atterrato grazie a un paracadute senza alcun danno (Guarda il filmato della partenza). L'aereo vero utilizzerà motori a turbina (Jaxa ha già testato con successo motori in grado di raggiungere la velocità di mach 5,5) e potrà trasportare 300 persone (tre volte il numero dei passeggeri del Concorde).
Il Concorde ha trovato il suo erede? La distanza tra Tokio e New York verrebbe coperta in sole 6 ore (contro le 12 necessarie oggi). Ora i tecnici dell'agenzia giapponese sono al lavoro per limitare il rumore provocato dall'aereo e per abbattere le immissioni di ossido di azoto dei motori.

(Notizia aggiornata all'11 ottobre 2005)

11 Ottobre 2005