Innovazione

Aquilone italiano per produrre energia dal vento

Aquilone tutto italiano KiteGen per produrre energia dal vento.

Kite surf: un piccolo surf legato ai piedi, un aquilone fissato a un’imbragatura e il divertimento è servito. Lo stesso meccanismo è stato applicato a un progetto innovativo tutto italiano che sfrutta la forza del vento per produrre energia pulita.

Il progetto made in Italy si chiama KiteGen ed è l’ultima frontiera dell’energia eolica. Proprio come avviene nel kite surf, è una tecnologia innovativa che libera nell’aria un aquilone legato a braccia meccaniche, ma lasciato libero di orientarsi in base alla direzione del vento. L’altezza che offre le maggiori prestazioni è a 800 metri ed è a questa distanza dal suolo che entra in azione Kitegen che provvede a sfruttare le correnti molto meglio delle tradizionali pale eoliche.

La velocità media del vento a questa altitudine è di 7,2 m/s per una potenza specifica di 205 Watt per metro quadrato, mentre a 80 metri d’altezza - quota tipica delle pale eoliche di ultima generazione - la velocità raggiunta è di 4,6 m/s per una potenza specifica di 58 Watt per metro quadro. KiteGen inoltre, rispetto ai tradizionali parchi eolici, occupa un’area di 9 chilometri quadrati per produrre 1000 Mw di energia eolica contro i 480 chilometri quadrati richiesti da una centrale eolica tradizionale.

Oltre a vantaggi prestazionali e territoriali, ci sono anche quelli economici. KiteGen potrebbe diminuire i costi di produzione tra gli 0,02 $ e 0,05 $ per chilowattora contro gli 0,05 e 0,09 $ per kWh dei carburanti fossili e gli 0,15 $ per kWh delle attuali turbine eoliche.

E, dettaglio che non guasta affatto, è che KiteGen è un progetto tutto italiano.

26 dicembre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us