Innovazione

Apple Vs Adobe, la risposta di Adobe

Risposta di Adobe ad Apple.

Adobe ha appena fatto partire una campagna pubblicitaria per contrastare Apple nella sua marcia anti-Adobe. La pubblicità cita testualmente: “noi [cuore] Apple” e continua con “ciò che non amiamo è chiunque vi tolga la libertà di scegliere cosa creare, come crearlo, e la tua esperienza sul web”. Oltre alle pubblicità in giro per la rete Adobe ha comprato una intera pagina all'interno dell'autorevole Washington Post.

Entrambe le pubblicità riportano una lettera aperta dei fondatori di Adobedove si difendono dagli attacchi mossi da Apple. Di seguito la traduzione di alcuni punti salienti della lettera:

Crediamo che i consumatori abbiano tutto il diritto di accedere ai loro contenuti e applicazioni preferite, senza dare troppa importanza a quale computer essi abbiano, quale browser utilizzino, o quale dispositivo soddisfi le proprie esigenze.

Con il mercato libero, chiunque abbia una grande idea ha la possibilità di guidare l'innovazione e trovare nuovi clienti. La filosofia di Adobe si basa su queste premesse, in quanto il miglior prodotto sarà infine il vincitore – e il miglior modo per competere è creare la migliore tecnologia e innovare più velocemente dei rivali.

Crediamo che Apple, avendo l'approccio opposto, abbia fatto un passo che potrebbe minare il prossimo capitolo del Web – il capitolo in cui i dispositivi mobile superano di numero i computer fissi, chiunque può essere un editore, e i contenuti sono accessibili ovunque e in qualsiasi momento.

Infine crediamo che la domanda sia questa: Chi controlla il World Wide Web? E crediamo la risposta sia: nessuno – e tutti quanti, ma certamente non una sola compagnia.

Alcune considerazioni: la campagna anti-Adobe di Apple è molto forte e ha un grosso impatto, ma Apple non è certo l'unica compagnia a credere che Adobe Flash non abbia un futuro roseo. Da tempo il web è scontento di questo prodotto e marcia verso un più performante HTML5. Solo per darvi un'idea delle potenzialità di HTML5, vorrei farvi provare un editor di immagini scritto completamente in questo linguaggio senza uso di Flash.

Adobe ha tutto il diritto di difendere i propri prodotti, ma né Apple né Google né alcuna grossa compagnia punterà mai al controllo del Web, per il semplice motivo che esso è fatto di persone in grado di fare delle scelte e che non sono stupide. Il declino di Adobe Flash non può essere imputato ad Apple (che accelera solo le cose) ma al prodotto stesso che non incontra i requisiti di questo nuovo capitolo del Web dove tutto è mobile e alimentato a batterie.

Batterie che dimezzano la propria vita ogni volta che incontrano contenuti Flash (a meno che non venga creato un hardware apposito, ma se questo avvenisse Adobe si darebbe la zappa sui piedi andando contro ciò che è scritto in questa lettera nel primo spezzone).

D'altra parte la chiusura di Apple ha un impatto negativo sulla libertà di scelta del consumatore, che dovrebbe avere tutto il diritto di scegliere ciò che più soddisfa i suoi bisogni.

Ho motivo di credere che tra le due filosofie la più condivisibile sia quella di Adobe (apertura e innovazioni usufruibili da tutti), che però non tiene conto del fatto che nel suo caso specifico, il suo prodotto non è più innovativo da anni, e che per questo stesso motivo non potrà avere vita lunga.

Adobe: belle parole, pessimi fatti.

14 maggio 2010 Raffaele Camoriano
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us