Innovazione

Apple Siri è sordomuto alle richieste di aborto

Polemica negli Usa perché non trova cliniche pro-aborto.

Siri non risponde alle domande sulle cliniche abortiste negli Stati Uniti. Apple però risponde e informa che non si tratta di una posizione a favore della vita dell’assistente vocale dell’iPhone 4S ma solo di un malfunzionamento tecnico.

“Apple sostiene che la posizione antiaborto di Siri sia un problema tecnico”

Siri non risponde - Apple è stata criticata dopo che molti utenti hanno scoperto che Siri - l’assistente vocale di iPhone 4S - non era in grado di rispondere alle loro richieste di informazioni su aborto e controllo delle nascite. Quando gli veniva chiesto di trovare una clinica per l’interruzione della gravidanza, anche in zone dove era presente questo tipo di strutture, la risposta non c’era, anzi a volte erano indicati centri per aiutare le donne incinta. L’American Civil Liberties Union, secondo un articolo del Daily Mail, ha chiesto all'azienda di Cupertino di risolvere il problema e mettere anche questi dati a disposizione degli utenti.

Si può migliorare - Secondo un portavoce di Apple, ripreso dal New York Times: «Queste omissioni non sono intenzionali. Nel cammino di Siri da beta a prodotto finale è possibile trovare degli aspetti da migliorare ed è quello che faremo nelle prossime settimane». Uno dei creatori di Siri, Norman Winarsky, ha detto che il problema potrebbe dipendere dai risultati dei servizi web delle società partner che Apple potrebbe non aver controllato in modo approfondito. Ricordiamo che Siri è disponibile, al momento, solo per la lingua inglese, tedesca e francese, e arriverà in Italia l'anno prossimo, se tutto fila liscio.

Il pensiero di Jobs - Steve Jobs, il fondatore di Apple, è stato adottato e una volta ha espresso la sua gratitudine alla madre biologica per aver portato a termine la gravidanza, piuttosto che interromperla.

Maurizio Ferrari

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

2 dicembre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us