Innovazione

Apple rivuole il suo iPhone 4G "smarrito"

Il vero prototipo finisce in rete.

Ti ricordi la notizia di ieri sull'iPhone 4G trovato in un bar di San Josè in California? Ebbene non era un clone cinese ma davvero il prototipo del futuro melafonino. Apple lo reclama. Ecco la cronaca dei fatti.

Galeotta fu la birra -La sera del 18 marzo Gray Powell, un ingegnere software di Apple, decide di andare a farsi un drink al bar Gourmet Haus Staudt di Redwood City dove servono, a quanto pare, dell'ottima birra tedesca. Con lui l'ormai famoso, e svelato, iPhone di quarta generazione da provare sul campo. Tra i fumi dell'alcool, posta su Facebook e poi se lo dimentica nel locale.

“L'iPhone abbandonato diventa lo scoop del mese”

Preda ambita - Per fartela breve, l'iPhone se ne sta solo soletto su un tavolino del bar. Un “buon” samaritano lo vede e parte alla ricerca del proprietario. Nessuno lo reclama e lui inizia a giocherellarci. Così, di primo acchito, non gli sembra niente di speciale. La fotocamera non funziona bene e dopo un po' si blocca pure. Il nostro samaritano è indeciso se ritracciare il proprietario o venderlo su eBay.

Scoop Gizmodo - Dopo qualche settimana l'iPhone arriva nelle mani di Gizmodo che capisce subito che si tratta di un vero scoop. A quanto pare l'ha comprato dal buon samaritano per 5.000 dollari (c'è chi dice 10.000 dollari). I blogger del sito lo vivisezionano, lo fotografano e ci scrivono un articolo.

Apple lo rivuole - Appena l'azienda di Steve Jobs scopre il guaio combinato dal suo sbadatissimo ingegnere e corre immediatamente corsa ai ripari bloccando (a distanza) il funzionamento dell'iPhone. Adesso Apple lo considera un furto e scrive a Gizmodo perché molli l'osso. Ma secondo voi si è trattato davvero di una spiacevole disavventura o di una ben congegnata operazione di marketing?

La lettera di Apple

20 aprile 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us