Innovazione

Apple perde il brevetto sulla tecnologia multi-touch

Sicuramente ci saranno svolte nella lotta fra i due colossi della telefonia.

di
Lo chiamavano il "brevetto di Steve Jobs". Parliamo della tecnologia multi-touch che consente l'interazione tra le dita e uno schermo sensibile al tocco. Ebbene, l’USPTO, ossia l'ufficio brevetti statunitense, l'ha appena revocato. È una delle "vittime" dello scontro legale tra Apple e Samsung.

"Il brevetto è uno dei tanti registrati
da Apple e alla base di iPhone e iPad"
Addio paternità - La particolare tecnologia che permette di utilizzare in maniera euristica i touch-screen era stata registrata da Apple nel 2008 e ottenuta nel gennaio del 2009 (brevetto n° 7,479,949). Nel dettaglio si tratta di ben venti rivendicazioni, tutte riguardanti diverse specifiche tecniche del multitouch. A quanto pare, dunque, qualcuno era arrivato prima del colosso di Cupertino. Apple, tra l'altro, aveva anche cercato invano di ottenere l'esclusiva sul nome di questa tecnologia.

Per la gioia della concorrenza - Una decisione che non può che far piacere a Samsung impegnata in numerose querelle legali con Apple proprio in materia di multitouch. Il tentativo di ridimensionare multe e controversie, nonché quello di riappacificare le parti da parte del giudice Lucy Koh, non sembrano incontrare la volontà di Cupertino. Ma l’USPTO sembra arrivare in aiuto al colosso coreano. Ora bisogna aspettare l’eventuale ricorso da parte di Apple.

Non è detta l’ultima parola - La revoca del brevetto è stata resa nota da FOSS Patents e Florian Mueller, l’autore dell’articolo, tiene a precisare che la revisione e l'eventuale revoca di un brevetto non è un evento "eccezionale". Si tratta, però, per Apple, della seconda revoca dopo quella toccata a fine ottobre alla tecnologia “rubber band”, ossia quella dello scrolling a effetti elastico degli elenchi. (sp)

Ecco un "finto" sport del futuro iPhone 6

11 dicembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us