Innovazione

Apple ordina 10 milioni di iPad mini. Farà il botto?

Milioni d'unità già in ordine.

di
Rumors incessanti sull'imminente lancio dell'iPad Mini. Apple sta preparando 10 milioni di tablet perché gli analisti prevedono vendite da record nel periodo natalizio. Merito anche del design che sembra riuscito persino meglio di quello del nuovo iPad.

"Apple potrebbe vendere 30 milioni di iPad e iPad Mini entro la fine dell'anno"
Tutto pronto ormai - Ormai è pressoché inutile che Apple sprechi risorse ed energie per organizzare la solita presentazione in pompa magna per il suo nuovo dispositivo: sappiamo già tutti che si chiamerà iPad Mini, avrà un display da 7,85 pollici e sembrerà un grosso iPhone, invece di un piccolo iPad. Peccato che non ci sia ancora nulla di certo, neppure l’appuntamento allo Yerba Buena Center di San Francisco, fissato - in via ufficiosa - per il prossimo 18 ottobre.

Vendite alle stelle - Le indiscrezioni sono state così numerose e - almeno apparentemente - così accurate da scatenare l’interesse degli analisti di settore che hanno rivisto al rialzo le stime di vendita dei prodotti Apple Gli esperti di RBC Capital Markets ritengono, infatti, che l’azienda di Cupertino possa vendere fino 21,6 milioni di iPad nel quarto trimestre del 2012, ma con l’arrivo di un eventuale secondo modello tascabile questa cifra potrebbe schizzare alle stelle, toccando la soglia dei 30 milioni di unità.

Apple doppia Amazon - Questa stima ti sembra azzardata? In verità, i numeri sopra riportati sono tutt’altro che campati in aria. Il Wall Street Journal ha fatto sapere a tutto il mondo che le case produttrici cinesi, che assemblano e producono i componenti per i suoi prodotti, stanno lavorando a pieno regime, per poter consegnare entro la fine dell’anno oltre 10 milioni di unità del nuovo "mini" tablet. Una cifra che risulta ancora più impressionante, se consideriamo che Amazon, nello stesso periodo, ha ordinato solo la metà delle scorte per il suo nuovo Kindle Fire 2.

Chi va piano... - Si parla anche di presunti rallentamenti in fase di assemblaggio dell’iPad Mini, a causa di non meglio specificate difficoltà legate all’estrema miniaturizzazione del dispositivo, ma proprio il design innovativo potrebbe rivelarsi una delle sue carte vincenti. Ci teniamo a ribadirlo: nessuno ha potuto ancora toccare con mano il nuovo tablet, ma Brian White dell’agenzia Topeka Capital Markets ha fatto visita agli stabilimenti di Taipei che lo stanno fabbricando pezzo dopo pezzo ed è riuscito a carpire tante ghiotte informazioni.

Apple non si svende - Oltre che più compatto, il nuovo iPad mini potrebbe essere addirittura più sottile di ogni suo predecessore e i materiali essere tanto ricercati, quanto piacevoli al tatto, proprio come nel caso dell’ultimo iPhone 5.

Le aziende cinesi, dl'altra parte, hanno subito precisato che Apple non sta badando a spese, perché vuole - come sempre - lanciare “un grande prodotto”, con buona pace di quelli che volevano un iPad Mini “low cost”, in concorrenza con i vari Kindle Fire e Nexus 7.

Sogno o realtà? - A questo punto, non ci resta che aspettare gli inviti ufficiali che - secondo altre indiscrezioni - dovrebbero essere recapitati alla stampa americana nei prossimi giorni. Potrebbe essere proprio questo il primo segno tangibile dell’imminente arrivo dell’iPad Mini e, se così non fosse, sarebbe meglio se qualcuno dai laboratori di Cupertino ci desse un bel pizzicotto e ci riportasse alla dura realtà. (sp)

iPhone iOS 5: foto perfette in 15 mosse

9 ottobre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us