Apple iWatch in dirittura d’arrivo

Il “tempo” dello smartphone di Cupertino sta per arrivare. Apple registra il marchio iWatch in quel del Sol Levante. E tra le notizie di oggi anche l’ultimo saluto a Google Reader, e a 12 programmi Yahoo!, ma anche la vista mozzafiato dal grattacielo più alto del mondo grazie a Street View.

apple-iwatch-concept
I rumors sull'iWatch di Apple parlano di un display curvo, iOS e tante applicazioni

Si parla di un Apple iWatch ormai da tempo immemorabile. Lo aspettavamo all’ultimo WWDC 2013, ma i tempi per il primo smartwatch made in Cupertino non erano, evidentemente, ancora maturi. Meglio sbrigare prima questioni burocratiche più urgenti come, per esempio, registrare il marchio in Giappone dopo averlo depositato - così si mormora - già in altri paesi: Russia, Taiwan, Messico e Turchia. E il tour tra le scartoffie degli uffici brevetti non deve essere ancora finito per Apple.

Come sarà questo iWatch?
- Sono le solite indiscrezioni a parlare. Il New York Times sostiene che l'iWatch si presenterà all’appuntamento - c’è chi afferma già entro la fine dell’anno anche se l’annuncio è più probabile nel 2014 - con uno schermo in vetro curvo e (ovviamente) il sistema operativo iOS. Sarà in grado di interagire con tutti i dispositivi Apple grazie, ovviamente al sistema operativo iOS, e non mancheranno le mappe, messaggi, applicazioni in mobilità, e funzioni per monitorare lo stato di salute di chi lo indossa. 

[Apple indecisa. Meglio iWatch, iTV o entrambi?]
[Anche Microsoft punta sugli orologi intelligenti]


ECCO LE ALTRE PRINCIPALI TECNO-NOTIZIE DELLA SETTIMANA

Ne avevamo dato il triste annuncio a metà marzo e Google ha mantenuto la promessa: Google Reader è sparito dalla circolazione il primo di luglio. I più previdenti, come la sottoscritta, hanno già trovato una soluzione, ma c’è ancora chi vaga alla ricerca di un suo valido sostituto.

Il primo ad aver colto la palla (o meglio gli RSS) al balzo è stato Feedly, ma anche il più giovane FeedBin promette bene. Non mancano, poi, altre alternative come The Old Reader e NewsBlur che, però, è gratuito solo fino a 64 siti.
 
I progetti chiusi da Google. Google Reader non è l’unico servizio mandato in pensione dal colosso di Mountain View. Qualcuno di voi ricorderà iGoogle (2013), Google Talk (2013), Google Health (2013), Knol (2012), Picnik (2012), Google Buzz (2011), Aardvark (2011), Sidewiki (2011), Google Notebook (2011), Google Dictionary (2011), Google Labs (2011), Google Wave (2010), Google SearchWiki (2010), Dodgeball (2009) Jaiku (2009), Google Lively (2008), Google Page Creator (2008), Zeitgeist (2007) e Google Answers (2006).

# Perché Google Reader chiude i battenti?
# L’infografica a questo indirizzo vi mostra tutti i “flop” di Google

Sempre restando in tema di chiusure, anche Yahoo! non scherza: ha deciso, anche lui come Google, di sbarazzarsi di 12 prodotti/servizi.

  • Yahoo! Axis (28/06 2013) - Il consiglio è traslocare sull’app Yahoo! Search per iOS e Android.
  • Yahoo! Browser Plus (28/06, 2013) - Va in pensione. Yahoo rimanda gli sviluppatori sulla pagina dei tool ancora attivi http://developer.yahoo.com/everything.html
  • Citizen Sports (28/06/ 2013) - La soluzione? Yahoo! Sports e la nuova applicazione Yahoo! Sports per iOS e Android
  • Yahoo! WebPlayer (30/06, 2013) - Bye Bye
  • FoxyTunes (01/07, 2013) - La musica adesso è su Yahoo! Music
  • Yahoo! RSS Alerts (01/07, 2013) - I colossi hanno dichiarato guerra agli RSS. Yahoo consiglia di sottoscrivere il servizio Keyword News e attivare Yahoo! Alerts per ricevere le notizie via email.
  • Yahoo! Neighbors Beta (08/07, 2013) - Diventa Yahoo! Local Search per scoprire cosa succede intorno a voi.
  • AltaVista (8/07, 2013) - è la scomparsa più dolorosa per chi ha vissuto gli albori di Internet…
  • Yahoo! Stars India (25/07, 2013) - Chiude e trasloca su Yahoo! India OMG!.
  • Yahoo! Downloads Beta (31/07, 2013) - Niente più download di programmi di terze parti: solo applicazioni Yahoo! come Yahoo! Toolbar  or Yahoo! Messenger.

Chiudono, o si trasformano anche Yahoo! Local API (28/09/2013) e Yahoo! Term Extraction API (28/09/2013)

Yahoo! segue l'esempio di Google e fa fuori 12 tra programmi e servizi web

Sempre più in alto!

Era una delle frasi più celebri di Mike Bongiorno. Usiamola per dimenticarci tutte le chiusure dei programmi di Google e Yahoo e ammiriamo il mondo dal grattacielo più alto del mondo. Grazie a Street View che, per fortuna, Google non ha ancora mandato in pensione.

09 Luglio 2013 | Silvia Ponzio