Innovazione

Apple iPhone 5: opinioni contrastanti, però...

Pro e contro del nuovo gioiello Apple.

di Stefano Silvestri

I commenti, al momento dell’annuncio dell’iPhone 5, sono stati abbastanza discordanti. I fan di Apple ne hanno decantato ancora una volta le doti, tutti gli altri hanno ironizzato sulla maggiorata lunghezza del dispositivo, arrivando a pubblicare immagini amatoriali di Obi Wan Kenobi, il noto cavaliere Jedi di Star Wars, che impugna un iPhone 20 lungo come una spada laser.

"La lotta tra iOS e Android viene vissuta come un derby calcistico"

Dove sta la verità, però?

in un articolo

Solo un'evoluzione? - La prima considerazione da fare è che, come già detto, il "popolo di Internet" non sembra essere rimasto particolarmente colpito dall'ultimo gioiellino di casa Apple, da molti definito come una semplice "evoluzione" che non concede nulla all'eccitazione che solitamente circonda i prodotti dell'azienda di Cupertino.

Memoria storica - Chi è dotato di buona memoria ricorderà sicuramente che critiche del genere vennero sollevate con lo stesso vigore anche all'annuncio del precedente iPhone 4S. Il nuovo smartphone di Apple è, però, il dispositivo "mobile" venduto più velocemente nella storia e il più remunerativo per la casa che ha inventato l'iPod. E le notizie dei giorni scorsi ci dicono che 5,2 milioni di iPhone 5 sono stati prenotati in un giorno, mentre il valore di Apple è schizzato oltre i 700 dollari ad azione. Il tutto mentre gli Apple Store venivano presi d’assalto anche dai ladri, seppure con risultati involontariamente comici (attenzione alle vetrine antiproiettile!). (sp)

Spazio alla concorrenza - Certo, prima o poi anche Apple dovrà cedere il passo, ma affinché accada serve che qualcuno faccia ad Apple quello che lei cinque anni fa fece ad aziende leader come Nokia e Motorola. Android è e rimarrà sicuramente una delle pedine fondamentali in questo settore e anche l'imminente Windows Phone 8 sembra avere il potenziale per diventare una piattaforma importante, sia per gli utenti che per gli sviluppatori, dimostrando che c'è ancora spazio per qualche altro concorrente che non sia una mela morsicata o un robottino verde.

Google ci prova - Android è una piattaforma molto popolare, ma è talmente diluita in una moltitudine di dispositivi da non poter rappresentare un rivale così pericoloso in termini di vendite. Sono poi pochi quelli che scaricano app Android a pagamento e ciò, dal punto di vista di chi deve guadagnare da questo mercato, è un problema tutt'altro che irrilevante. Apple, invece, ha integrato in ogni sua cellula l'infrastruttura dell'App Store: la quantità di denaro che gli acquisti su questa piattaforma genera ogni giorno è quasi incalcolabile e l’iPhone 5 sarà la nuova piattaforma di riferimento per gli acquisti "mobile" da parte dei consumatori.

Ancora più giocabile - Dal punto di vista del gaming, che come immaginate sta particolarmente a cuore e noi di Eurogamer, il nuovo formato dello schermo offre la possibilità di adottare una "visuale" più panoramica. Quante volte chi ha utilizzato un iPhone in passato si è lamentato perché le dita appoggiate sui pulsanti virtuali coprivano eccessivamente lo schermo impedendo in alcuni casi un'ottimale visione dell'azione di gioco? I due centimetri in più concessi dall'iPhone 5 potrebbero risolvere questo problema, mentre la grafica permette di fare girare giochi come Real Racing 3, che vedete qui di seguito, che una volta ci saremmo aspettati solo sulle console casalinghe.

Dritto sull'A6 - Il nuovo processore A6, da molti già bollato come "semplicemente più veloce", consentirà poi di migliorare notevolmente il comparto tecnico dei futuri titoli per iPhone 5. E nonostante la conferenza Apple non abbia dato troppo spazio ai videogiochi, sappiamo benissimo che questo settore è uno dei fulcri su cui la compagnia si sta muovendo da tempo e si muoverà ancora di più in futuro.

La storia si ripete - Per gran parte del "popolo di Internet" il disappunto rovesciato sull'iPhone 5 è dovuto al fatto che il suo annuncio rappresenta "solo" un altro gradino nella scalate di Apple verso il dominio del mercato. Premesso però che Apple non è un'azienda votata ai miracoli o al benessere del pubblico, quest'ultimo "giocattolo tattile" è già diventato il nuovo oggetto del desiderio di decine di milioni di persone e per gli addetti ai lavori un qualcosa che garantisce migliori potenzialità senza però stravolgere l'ecosistema solidamente costruito in questi 5 anni.

Finto promo - E dunque, l’iPhone 5 sarà lo smartphone dei record o il primo passo indietro di Apple? Nel frattempo che ci pensiamo, facciamoci quattro risate con questo video virale che circola da qualche giorno per la rete dove dei finti esponenti di Apple parlano delle potenzialità del nuovo “melafonino”. (sp)

19 settembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us