Innovazione

Apple e l'orologio delle ferrovie svizzere di iOS6

Apple: accordo con le ferrovie elvetiche.

di
Apple e iOS 6... gioie e dolori. L'azienda di Cupertino, dopo i problemi con Samsung, con le aziende cinesi che provano a vendere simil-iPhone prima di lei, e il flop delle mappe, se la deve vedere pure con la "neutrale" Svizzera. Apple, però, stavolta è corsa ai ripari... giusto in tempo!

"Le due aziende trovato e
firmato l'accordo"
Tale e quale - Il problema era che il look dell’orologio dei nuovi iPad e iPhone era troppo simile a quello progettato nel 1944 da Hans Hilfiker, un ingegnere svizzero che lavorava per le ferrovie dello Stato. Per l’azienda d’oltralpe non si è trattato di un problema banale: il suddetto orologio è oggi considerato un simbolo delle stazioni dei treni elvetici. E Apple per usarlo ha dovuto pagare.

Affari di Stato - Le FFS (Ferrovie Federali Svizzere), infatti, si sono rifiutate di lasciar perdere e hanno deciso di sistemare la faccenda. Apple non si è messa a discutere e ha subito acconsentito a firmare un contratto che le concedesse l’utilizzo dell'orologio elvetico senza problemi. L’accordo, firmato sabato a Zurigo, permette al colosso di Cupertino di sfruttare la versione digitale dell’orologio, oggi prodotto da Mondaine, che campeggia nelle stazioni svizzere.

Un marchio di cui fidarsi - Non sono trapelati né dettagli sull'accordo né tanto meno quanto abbia sborsato Apple per mettere le mani su queste preziose lancette. Quello che è sicuro è che stavolta l'azienda produttrice dei prestigiosi iPhone e iPad è stata precisa, puntuale e affidabile. Proprio come un orologio svizzero. (sp)

Hi-tech, arte, sfarzo, innovazione... nel metro!

15 ottobre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us