Innovazione

Apple dà il ben servito a cinque apps per iPhone

Ecco cinque programmi espulsi dall'App Store.

Apple non solo vigila incessantemente sulle applicazioni che faranno il loro ingresso nell’App Store, ma continua a seguirne le sorti anche dopo la vendita. I vigilantes della Mela tengono d’occhio la qualità e i contenuti dei vari programmi, ma prestano attenzione anche alle eventuali lamentele da parte del pubblico. Così alcuni contenuti, anche dopo anni di “scaffale”, spariscono dalla circolazione.

“Alcune applicazioni erano sugli scaffali virtuali da anni!”

Finta patente - È bastata la preoccupazione, espressa da alcuni politici statunitensi sul rischio di furto di identità, per bannare l’applicazione Drivers License in commercio ormai da due anni. Bob Casey, senatore della Pennsylvania, ha scritto personalmente una lettera all’azienda di Cupertino suggerendo che le finte patenti avrebbero potuto essere spedite via posta elettronica, stampate e plastificate per creare documenti falsi. Non aveva tutti i torti…

Alcool nelle vene? - L’applicazione Buzzed, invece, permetteva di conoscere i posti di blocco dove, i guidatori del sabato sera, vengono sottoposti alla fatidica prova del palloncino. Ancora una volta è stata decisiva la segnalazione di un gruppo di senatori che ne ha richiesto la rimozione perché il programma avrebbe incoraggiato la pericolosa pratica di mettersi alla guida anche dopo avere bevuto qualche bicchiere di troppo.

Storia crudele - È durata solo due ore la vita di Phone Story sviluppata da Molleindustria. Il motivo ufficiale della sua rimozione riguarda la "rappresentazione di violenza e abusi su minori" e "crudezza nei contenuti". Gli stessi problemi che, secondo i creatori, sarebbero legati alla produzione degli stessi iPhone. Phone Story, infatti, si proponeva di mostrare, attraverso un gioco, le condizioni di lavoro di tutta la catena di montaggio alle spalle degli smartphone, a partire dall’estrazione delle materie prime fino all’eliminazione delle scorie.

Navigar m’era dolce… - Per tutti coloro che sognavano di trasformare il proprio iPhone in un modem portatile per sfruttare la connessione 3G per far navigare notebook e altri aggeggi elettronici, iTether era la soluzione perfetta. Arrivata sugli scaffali, pur violandone i termini di servizio, è stata prontamente rimossa.

Inutile!! - Fin dai tempi dei primi telefonini, la preoccupazione per le radiazioni l’ha fatta da padrona. Ricordate le coccinelle che avrebbero dovuto proteggerci dalle onde radio? Takwon si proponeva di determinare la quantità di onde elettromagnetiche emesse dal nostro iPhone durante l’uso, fornendo consigli per abbassarne la dose. "Non è di alcun interesse", hanno dichiarato i censori dell’App Store.

Qualcuno ha ancora una coccinella sottomano? (sp)

Chiara Reali

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

14 dicembre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us