Innovazione

Android: sistema operativo più usato negli USA!

Gli americani lo preferiscono a RIM.

L’ascesa di Android sembra interminabile, dopo gli infiniti successi ottenuti nel vecchio continente, sembra che ora abbia raggiunto il podio più alto per la sua preferenza anche nel mercato statunitense.

La società che si è occupata del sondaggio svolto tra Novembre 2010 e Gennaio 2011 è la Nielsen, una della più rinomate del settore.

Sembra assurdo ma la graduatoria riporta al primo posto Android, al secondo gli smartphone BlackBerry appena sorpassati, ed al gradino più basso troviamo Apple con l’iPhone seguita con molto distacco dai terminali Windows Phone 7.

Attualmente, degli smartphone in circolazione negli USA quasi un terso ospitano l’OS prodotto da Google.

La salita di Android nel mondo degli smartphone è iniziata nel “lontano” Ottobre 2008 quando HTC lancio il suo primo smartphone dotato di Android.

Dopo L’HTC G1 sono stati molti gli smartphone dotati di Android a susseguirsi ma tutti con un unico scopo, quello di invadere e conquistare il mercato, pensate che all’inizio del 2010 Google possedeva solo il 7% del mercato ma è cresciuto in un anno fino a superare in questi giorni il 30%.

Il successo di Android può essere attribuito principalmente a due fattori, il primo più recente è il suo Market di App: davvero ben congeniato anche se molto migliorabile, il secondo fattore invece consiste nella scelta di business affrontata da Google per lanciare il suo OS.

In parole povere Google ha presentato il suo OS alle varie case produttrici di smartphone lanciandolo come un OS completamente gratuito ed infatti sono stati molti a crederci e a sceglierlo come sistema operativo per i loro dispositivi.

Non ci rimane che attendere ancora qualche mese per scoprire quali ripercussioni porterà la scelta di Nokia di affiancarsi al colosso Microsoft con il nuovo Windows Phone 7 che dovrebbe garantirgli una buona differenziazione.

9 marzo 2011 Daniele Perotti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us