Innovazione

Android meglio dell'iPhone, parola di Wozniak

iPhone vs Android.

Se pensate che Steve Wozniak, colui che nel 1976 ha fondato la Apple assieme a Steve Jobs, sia un sostenitore dell’iPhone, sarete sorpresi di scoprire che oggi è invece diventato un vero fan di Android. Intendiamoci, il Woz non ha completamente “scaricato” lo smartphone Apple, che comunque afferma di apprezzare molto e che resta il suo smartphone principale per la sua bellezza e la sua semplicità d’uso, ma ritiene che sotto molti punti di vista Android sia migliore.

“Quello di Apple è il mio smartphone principale, ma Android ha qualcosa in più”

Lo ha dichiarato lo stesso Wozniak in un’intervista al sito Web The Daily Beast: “Amo la sua bellezza”, ha detto dell’iPhone, “ma mi piacerebbe che facesse tutte le cose che Android fa”.

Al contrario di molti utenti Apple, che ritengono il sistema Android un sistema “rubato”, cioè copiato proprio dall’iPhone come del resto ha sempre sostenuto Steve Jobs, Wozniak pensa che il sistema operativo di Google abbia delle potenzialità che al rivale invece mancano, e che non sia poi così più difficile da utilizzare: “Se volete lavorarci un po’ su per capirne di più”, ha infatti detto Wozniak, “mi spiace dirlo, ma offre più possibilità”.

Di Android, in particolare, il Woz apprezza la semplicità dei comandi vocali, mentre invece critica il sistema Siri dell’iPhone 4S, che ritiene funzionasse meglio quando era un’applicazione indipendente. Ora che è stata acquistata da Apple e inserita nell’iPhone, non va più così bene, secondo Wozniak. Inoltre, sempre secondo quanto dichiarato dal cofondatore di Apple, Siri richiede una connessione ai server di gestione il sistema che spesso, per un motivo o per l’altro, non risultano però raggiungibili, e anche quando si riesce ad utilizzarlo non si ottengono risultati precisi: “Ho ripetuto più volte a Siri: «Chiama la Lark Creek Steak House» senza esito. Ho fatto la stessa cosa con un sistema Android, e ha immediatamente avviato la chiamata”. Insomma, rispetto a Siri era meglio il più tradizionale controllo vocale dell’iPhone 4, più semplice ma anche più affidabile e sempre disponibile.

E che dire della navigazione GPS? Anche in questo campo Wozniak ritiene Android superiore ai sistemi iOS, con l’integrazione del servizio “turn by turn” nell’applicazione Mappe.

Il Woz non risparmia nemmeno critiche all’autonomia del nuovo smartphone di casa Apple. “Qualcosa è successo con il nuovo iPhone o con la nuova versione di iOS, ma ora la batteria si scarica molto rapidamente”, ha infatti dichiarato Wozniak, aggiungendo che per risparmiare energia è stato costretto a disabilitare una serie di funzioni disponibili in iOS 5.

Non è la prima volta che Wozniak dimostra pubblicamente la sua simpatia verso Android: dopo essersi fatto fotografare in coda fuori da un negozio della California per essere tra i primi ad acquistare l’iPhone 4S, il Woz si è recato al quartier generale di Google, da cui è uscito con il suo nuovo Galaxy Nexus.

Ma Wozniak in realtà non è un fan né di uno né dell’altro sistema ma un amante della tecnologia a 360°, che osserva ed analizza quello che offre il mercato in piena obiettività.

E conclude l’intervista affermando che l’iPhone resta il miglior prodotto per chi è già utente Mac o per chi è spaventato dalla complessità. Per tutti questi tipi di utenti lo smartphone Apple resta un telefono semplice da utilizzare e che fa quello di cui hanno bisogno.Fabio Bossi? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

LE TOP GALLERY DI JACK

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

18 gennaio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us