Focus

Android copre un terzo del mercato USA: è inarrestabile!

iOS resta stabile.

androidvsios_176735
|

La nota società di ricerca marketing ComScore ha di recente pubblicato uno studio riguardante la preferenza degli statunitensi nei confronti dei vari sistemi operativi mobile.

 

Dallo studio, che ha considerato i primi 3 mesi del 2011, si è riscontrato come Android conduca il mercato con uno share del 33% mentre, al secondo posto troviamo RIM con un 28.9.

 

Apple, invece dal canto suo ristagna al terzo posto con una preferenza del 25.2% seguita con molto, moltissimo margine da Microsoft con il suo Windows Phone 7 a quota 7.7 % e Palm con il suo WebOS a 2.8%.

 

La crescita Android sembra non avere limite, dall’ultimo trimestre 2010 l’OS di Google ha avuto un aumento di oltre il 7 % a differenza di Apple che probabilmente grazie alle ultime vendite da parte di Verizon ha potuto segnare un incremento di appena 0.2 punti percentuale.

 

Le altre tre protagoniste di questo mercato: RIM, Microsoft e Palm hanno segnato una diminuzione di share, in particolare RIM che ha perso ben 4.6 punti mentre WP7 di Microsoft è diminuito del 1.3% e Palm ha visto scendere la sua percentuale dell’1.1.

 

Secondo Business Inside il successo di Android è dovuto principalmente al fatto che è montato su più dispositivi mentre iOS nasce e muore solamente per i prodotti Apple e la storia ci insegna che più una piattaforma è universale più è preferita dagli utenti basta vedere i risultati di Microsoft nei PC e Google nel emisfero delle ricerche online.

 

Ovviamente se sale Android salgono di conseguenza le vendite degli smartphone che lo contengono e ha goderne maggiormente è Samsung che conquista la prima posizione dello share con il 24.8%, seguita da LG con il 20.9 ed in coda sull’ultimo gradino del podio Motorola con il 16.1%.

 

Sempre nell’ambito delle ricerche di mercato, secondo un’indagine della ABI Research Android andrà a controllare il 45% del mercato entro il 2016. (ga)

 

Guarda i top smartphone del momento:

 

6 aprile 2011 | Daniele Perotti