Innovazione

Amazon e le insidie del mercato degli smartphone

Ecco 5 motivi per ripensarci.

di
Amazon si è montata la testa e vuole diventare la prima rivale di Apple. Il gigante del commercio online, dopo il successo del tablet Kindle Fire, sta per lanciare anche il Kindle Phone, ma c’è chi sostiene che lo smartphone potrebbe essere un flop: perché?

"Amazon rischia di ripetere gli stessi errori commessi da altri prima di lei"
Kindle Phone in arrivo - Ormai si è sbilanciato perfino il Wall Street Journal e sappiamo perfettamente che, quando scendono in campo testate giornalistiche di questo calibro, un fondo di verità deve esserci per forza. Manca ancora l’ufficialità, ma siamo certi che non dovremo attendere a lungo prima di assistere al lancio del cosiddetto Kindle Phone. Sembra, infatti, che siano già in circolazione i primi prototipi, dotati di uno schermo ampio quasi quanto quello del Galaxy S III, e il suo debutto potrebbe avvenire entro la fine dell'anno.

Sbagliando s’impara - Il successo del Kindle Fire deve aver convinto Amazon che, dopo quello dei tablet, anche il mercato degli smartphone potrebbe essere alla sua portata. In realtà, non è la prima volta che un’azienda, forte di un importante successo commerciale, si butta in questo delicato settore e subisce una cocente delusione. In passato, hanno commesso lo stesso errore altri “big” dell’informatica, come HP, Dell e, in ultimo, RIM. Secondo i critici, infatti, ci sono almeno 5 buoni motivi per cui Amazon dovrebbe rinunciare a questo pericoloso esperimento.

Scarsa esperienza - Bisogna ammettere innanzitutto che, contrariamente a quanto credono nel quartier generale di Seattle, l’esperienza del Kindle Fire non può essere considerata esaustiva, perché si tratta del primo tentativo nel campo dei tablet e, comunque, le vendite di questo modello - dopo un debutto entusiasmante - si sono decisamente stabilizzate e, nel primo trimestre del 2012, sono state vendute solo 700.000 unità. Inoltre, per avere tutti i servizi di Amazon a portata di mano, non serve uno smartphone su misura: c’è già l’app, sia per iOS che per Android, che funziona a meraviglia.

Chi lascia la strada vecchia per la nuova… - A differenza dei tablet, gli smartphone attraggono una clientela più esigente e difficile da convincere, perché tende a fidarsi più dei marchi storici che di quelli emergenti e, spesso, preferisce la continuità al cambiamento, soprattutto se è rimasta soddisfatta. Perché perdere tempo per imparare un nuovo sistema operativo e una nuova interfaccia, quando puoi continuare a usare con quelli che già conosci? E perché sprecare altro denaro per acquistare le stesse app che hai scaricato mesi addietro nel tuo vecchio telefonino?

Maggior penetrazione del mercato - Quello dei tablet è, inoltre, un settore relativamente giovane e in rapida espansione, quindi c’è spazio per tutti quelli che vogliono investirci seriamente. I telefonini, invece, appartengono a un’altra fetta di mercato, in cui il numero dei concorrenti è molto più elevato e i potenziali clienti non sempre sono interessati alle proposte più avanzate e “smart”. E non dobbiamo dimenticare che questa volta Amazon dovrà affrontare il sottile fenomeno della fidelizzazione, per ottenere il successo sperato.

Non sprecare le energie - C’è un ulteriore problema da non sottovalutare: per Amazon, tutti questi dispositivi non sono altro che divertissement tecnologici, perché i core business dell’azienda rimangono sempre l’editoria e il commercio online. Un altro gadget hi-tech potrebbe comportare uno spreco di energie e di risorse che, alla fine, rischierebbe di penalizzare proprio ciò che più sta a cuore ad Amazon. Un esempio lampante di flop di questo tipo è la piattaforma Zune di Microsoft, che ha cercato invano di proiettare il gigante di Redmond nel campo dei contenuti multimediali a pagamento.

L’esempio di Best Buy - L’interrogativo principale è, però, uno solo: ma chi glielo fa fare ad Amazon di prendersi tutti questi rischi, per confrontarsi con Google e Apple in un campo a loro sicuramente più congeniale? Non le è bastato l’esempio della catena americana Best Buy, che ha provato a cimentarsi nel commercio online per rubarle i clienti e, poi, si è ritrovata costretta a limitare l’uso del suo sito per contenere le perdite?

L’arma low cost - Chiudiamo con un’ultima considerazione: quando il Kindle Phone arriverà sul mercato, si ritroverà a dover fronteggiare le nuove gamme di googlefonini con Android Jelly Bean e, soprattutto, il nuovo iPhone 5 con iOS 6. Come potrà competere un esordiente con prodotti così stabili ed evoluti? L’unica risposta possibile è legata alla solita arma - non proprio segreta - di Amazon: tenendo i prezzi ben al di sotto della media di mercato. Se il suo smartphone sarà venduto attorno ai 100 dollari, saranno in tanti a farci un pensierino. (sp)

Lunga vita alla batteria del tuo cellulare

13 luglio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Napoleone tenne in scacco tutte le monarchie d'Europa. Poi, a Waterloo, la resa dei conti. Chi erano i nemici dell'imperatore dei francesi? Come formarono le alleanze e le coalizioni per arginarlo? E perché tutti temevano la Grande Armée? Su questo numero, la caduta di Napoleone raccontata attraverso i protagonisti che l'hanno orchestrata.

ABBONATI A 29,90€

Miliardi di microrganismi che popolano il nostro corpo influenzano la nostra salute. Ecco perché ci conviene trattarli bene. E ancora: come la scienza affronta la minaccia delle varianti di CoVID-19, e perché, da sempre, l'uomo punta al potere. Inoltre, in occasione del 20° anniversario della sua seconda missione in orbita, l’astronauta italiano Umberto Guidoni racconta la sua meravigliosa odissea nello spazio.

ABBONATI A 29,90€

Vi siete mai chiesti quante persone stanno facendo l'amore in questo momento nel mondo? O quante tradiscono? E ancora: Esistono giraffe nane? Cosa sono davvero le "scie chimiche" degli aerei? E quanto ci mette il cibo ad attraversare il nostro copo? Queste e tante altre domande & risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, in edicola tutti i mesi. 

ABBONATI A 29,90€
Follow us