Innovazione

Allarme acqua alta in Australia

Le acque si stanno innalzando.

Il problema del surriscaldamento globale, che si trascina dietro innumerevoli altre piaghe, è sempre in primo piano e un rapporto, presentato al "The Critical Decade" dalla Climate Commission istituita dal governo australiano, ne mostra le probabili conseguenze sul Paese in base agli studi effettuati negli ultimi anni. Una delle peggiori consiste nell'innalzamento del livello del mare.

Proprio questo aspetto preoccupa decisamente l'Australia, in quanto diverse città importanti sorgono sulla costa, Sidney e Melbourne in particolare, e potrebbero subire danni enormi. Si prevede, infatti, che il livello delle acque possa innalzarsi fino ad un metro, nella peggiore delle ipotesi, ma non meno di 0,5 metri, entro il 2100: è facilmente intuibile la gravità di una eventuale futura conferma di queste previsioni. Altro grave impatto ecologico è causato dal CO2 assorbito dall'Oceano che danneggerà la Barriera Corallina australiana. "Questo è il decennio critico" sostengono gli scienziati. La soluzione sarebbe quella di decarbonizzare l'economia e riuscire a passare a fonti di energia rinnovabili entro il 2050. Questo è un cambiamento difficile da realizzarsi in quanto l'Australia punta tantissimo sul carbone, basti pensare che l'80% dell'energia elettrica del paese deriva dallo sfruttamento di questa risorsa.

Se la politica climatica australiana decidesse di intraprendere la via "ecologica" - vista la gravità del rapporto - sarebbe un passo enorme per tutta l'umanità e potrebbe coinvolgere il resto del globo, a mo' di "effetto domino", a cogliere l'estrema necessità di cambiamento che necessità la Terra. (ga)

31 maggio 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us