Innovazione

Airbus Pop.Up: l'utilitaria drone che si guida da sola

Airbus presenta un sistema di trasporto modulare ibrido, un po' auto e un po' drone, completamente autonomo e a emissioni zero. 

Quante volte, bloccati nel traffico dell’ora di punta, avete sognato di poter mettere le ali alla vostra auto e liberarvi in pochi istanti dall’ingorgo? Non disperate, perchè il vostro sogno potrebbe tramutarsi in realtà. Magari non subito, ma nel giro di qualche decennio.


È la promessa di Airbus, che all’ultimo Salone dell’Auto di Ginevra ha presentato Pop.Up, un concept assolutamente rivoluzionario che apre scenari da fantascienza alla mobilità di (dopo)domani.

Tech made in Italy. Realizzato in collaborazione con lo studio italiano Italdesign, Pop.Up è un sistema di trasporto autonomo, a zero emissioni e modulare formato da tre elementi: una capsula in fibra di carbonio in grado di ospitare due passeggeri, un pianale su ruote spinto da un motore elettrico e un modulo aereo con 4 rotori alimentati elettricamente.

In pochi secondi la capsula può agganciarsi a uno dei due moduli: a quello terrestre per diventare una piccola city car autonoma, oppure a quello aereo per trasformarsi in un velivolo senza pilota a decollo verticale.


Drone Sharing. Pop.Up è progettato per essere utilizzato in condivisione: chi deve organizzare uno spostamento da una parte all’altra della città o nelle immediate vicinanze può prenotare il viaggio dal proprio smartphone con una app.

Il sistema, a seconda della meta e delle preferenze del passeggero, sceglierà il tipo di trasporto più adatto: via terra, via aria, o una combinazione dei due e invierà la capsula nel punto di prelievo. Pop.Up potrà dunque arrivare su ruote, oppure dal cielo agganciato al grande drone.

Cuore di Pop.Up è una piattaforma di intelligenza artificiale in grado di programmare e controllare gli spostamenti di tutte la capsule, gestirne in tempo reale le modalità di utilizzo terra-aria, monitorare il traffico e offrire ai passeggeri un'esperienza di trasporto personalizzata e piacevole.


Fuga dal traffico. Uno degli aspetti più interessanti del sistema è che la trasformazione da veicolo di terra ad aeromobile può avvenire ovunque, senza la necessità di aree dedicate o infrastrutture: se la tangenziale è bloccata il drone può andare a prelevare la capsula con i passeggeri per portarli rapidamente a destinazione mentre il modulo su ruote si recherà da solo alla propria stazione di parcheggio in attesa del prossimo cliente.

Il sistema Pop.Up è stato progettato per risolvere i problemi di traffico delle megalopoli con oltre 10 milioni di abitanti: secondo Airbus saranno 41 entro il 2030 e saranno così trafficate da costare fino a 350 miliardi di euro l’anno tra incidenti, ritardi e disagi ai cittadini.

Futuro possibile. Ma un sistema di trasporto di questo tipo è davvero possibile?

Sì, almeno secondo Mathias Thomsen, General Manager Urban Air Mobility di Airbus: «Pop.up, dal punto di vista tecnologico, è molto vicino a qualcosa che potrebbe essere già messo in produzione» ha dichiarato alla stampa in occasione della presentazione del progetto.



L’azienda ha collaborato molto da vicino con Italdesign per assicurarsi che sensori, tecnologie, design aeromeccanico e sistemi di propulsione fossero realistici già oggi.

Discorso diverso riguarda invece l'infrastruttura, che per poter ospitare un sistema di trasporto di questo tipo ha bisogno di sistemi di controllo del traffico e normative ancora tutti da pensare.

Il video ufficiale di Pup.UP

14 marzo 2017 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us