Innovazione

Agusta A109: storia di un mito

Col suo primo volo di prova, nel 1971, nasce ufficialmente l'A109, l'elicottero Made in Italy ancora oggi leader mondiale in questo settore per la sua categoria: Gianluigi Marasi, direttore del Museo Agusta, racconta a focus.it retroscena e curiosità di questo mito dell'aeronautica.

Il 4 agosto 1971 si alzava in volo da Cascina Costa (Varese) per la prima volta il prototipo definitivo dell'A109, ai cui comandi vi era l'allora Capo Pilota Collaudatore dell'Agusta, Ottorino Lancia. Non erano trascorsi neanche due anni dal 19 settembre 1969, da quando cioè Bruno Lovera, responsabile del design e sviluppo di alcuni modelli di elicotteri dell'Agusta SpA, chiese al Conte Domenico Agusta l'autorizzazione per la costruzione di tre prototipi. La richiesta di Lovera, accettata dal vertice dell'Agusta, segnò l'inizio di un nuovo ciclo per l'azienda, emancipandola dallo status di produttore su licenza di modelli di aziende americane mantenuto dalla prima metà degli anni cinquanta, ed entrando a pieno titolo nel mercato mondiale di elicotteri come costruttore di modelli orginali.

Fino ad allora la società - nata nel 1923 in quella che era chiamata "provincia con le ali" - aveva realizzato modelli su licenza: solo successivamente, negli anni Sessanta, aveva dato vita a diversi prototipi, senza però condurli allo stadio di produzione e commercializzazione. L'Agusta A109 sarà il primo elicottero interamente italiano - progetto e costruzione - e sarà il primo a essere immesso sui circuiti internazionali. Il 28 agosto 1975, quattro anni e qualche mese dopo il primo volo, l'A109 viene infatti iscritto al Registro Aeronautico Italiano (oggi ENAC, Ente nazionale per l'aviazione civile) e riceve la certificazione della Federal Aviation Administration (FAA), cosa che permette all'elicottero, all'Agusta e all'Italia stessa di varcare i confini nazionali ed europei e di entrare nel mercato elicotteristico civile degli USA, da sempre il più vasto a livello globale.

È in questa cornice che nasce il primo centro di supporto per l'A109 a Filadelfia (USA), dove attualmente c'è lo stabilmento e il centro logistico della Divisione Elicotteri di Leonardo - era Finmeccanica fino al 2016, azienda in cui erano confluite tutte le attività dell'Agusta, fin dagli anni '90. Le prime consegne dell'A109 iniziarono nel 1976: in Italia, negli anni, oltre al mercato civile, i principali clienti furono Esercito, Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Dipartimento di Protezione Civile (istituito nel 1990).

Dalle MV Agusta agli elicotteri: una storia italiana al Museo Agusta, a Cascina Costa di Samarate (Varese).
Dalle MV Agusta agli elicotteri: una storia italiana al Museo Agusta, a Cascina Costa di Samarate (Varese). © Luigi Bignami

L'A109, nella sua versione finale, si presentava come un velivolo a otto posti compreso il pilota, peso a vuoto di 1.400 chilogrammi e peso massimo totale di 2.400 kg, con il carrello completamente retrattile per la migliore aerodinamicità. Montava un rotore principale con quattro pale, un rotore di coda semirigido a due pale e, grazie ai due motori Allison 250-C20, toccava i 285 chilometri l'ora (168 nodi). Grazie a queste caratteristiche l'A109 diventa l'elicottero biturbina leggero multiruolo più veloce al mondo nella sua categoria.

A distanza di 50 anni da quel primo volo di prova, grazie a quel progetto innovativo e a tutte le sue successive evoluzioni, Leonardo detiene una posizione di primo piano nel mercato degli elicotteri bimotore leggeri - che in diversi Paesi sono i più diffusi sia per il trasporto passeggeri, sia per i servizi. Nel 2008 un diretto discendente dell'A109 ha stabilito il record mondiale di velocità, ancora imbattuto, compiendo il giro del mondo in 11 giorni.

Oggi la storia di questo mito italiano è raccontata al Museo Agusta - dove accanto agli elicotteri c'è anche tutta la storia delle motociclette che hanno caratterizzato la prima fase di Agusta.

4 agosto 2021 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La (brutta) storia della follia raccontata attraverso i re e gli imperatori ritenuti pazzi, i rimedi adottati nei secoli per “curarla” e l'infinita serie di pregiudizi e superstizioni che hanno reso la vita dei malati un inferno peggiore del loro male. E ancora: quando le donne si sfidavano a duello; la feroce Guerra delle due Rose, nell'Inghilterra del '400.

ABBONATI A 29,90€

Senza l'acqua non ci sarebbe la Terra, l'uomo è l'animale che ne beve di più, gli oceani regolano la nostra sopravvivenza: un ricco dossier con le più recenti risposte della scienza. E ancora: come agisce un mental coach; chi sono gli acchiappa fulmini; come lavorano i cacciatori dell'antimateria; il fiuto dei cani al servizio dell'uomo.

ABBONATI A 29,90€
Follow us