Innovazione

Acque reflue che creano energia elettrica

Tirare lo sciacquone creerà energia.

Ogni giorno vengono creati tantissimi rifiuti in ogni parte del pianeta: parte di questi viene riciclato per altri scopi, come ad esempio la raccolta differenziata che facciamo. Le acque reflue hanno diversi utilizzi, dagli impianti nucleari alle fabbriche di birra, dove vengono impiegate per creare biogas che alimenti le strutture, ma tra qualche tempo si potranno riciclare anche in energia elettrica.

Ogni volta che si tirerà lo sciacquone del bagno, secondo il progetto del ricercatore ambientale Bruce Logan, si potrà creare una certa quantità di energia, utile per alimentare, ad esempio, lampadine o ventilatori e, col tempo, anche le cittadine circostanti. Il meccanismo principale consiste in celle a combustibile molto piccole in grado di utilizzare a loro favore i batteri presenti negli scarichi: questi, infatti, si "nutrono" dei rifiuti organici e a loro volta producono elettroni. A questo punto le celle acchiapperanno queste particelle cariche tramite delle setole di carbonio ed il gioco è fatto: l'energia elettrica raccolta può essere trasferita agli apparecchi che ne hanno bisogno. Il progetto per ora è ancora in via di sviluppo e gli apparecchi sono ancora troppo piccoli per essere davvero utili: Logan è convinto che in 5/10 anni si potrà parlare di celle in grado di raccogliere energia a sufficienza ad alimentare non solo i centri di raccolta delle acque reflue ma anche le città vicine.

24 agosto 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us