Cronaca di una discussione su Libra
Quando e se arriverà, la moneta di Facebook potrebbe essere anche uno strumento per identificarci online.
Wikipedia e la coscienza collettiva
Uno studio analizza le interazioni umane con Wikipedia e svela quali sono i temi ai quali teniamo di più.
Funziona il vaccino digitale contro le fake news
Chi indossa per gioco i panni di un produttore di bufale impara a riconoscerle a sua volta: una soluzione che si è rivelata più efficace di qualunque campagna di debunking.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Imparare la fisica è un (video)gioco
Un team di ricercatori e sviluppatori ha messo a punto un videogioco che dà lo spunto, a studenti e insegnanti, per addentrarsi nelle grandi sfide della fisica contemporanea. Con rigore e divertimento.
Facebook: troppa privacy non fa bene alla scienza
Lo scandalo Cambridge Analytica ha spinto Facebook (anche) a non rendere più disponibili i suoi dati alle app di terzi. Ma ci rimette anche la ricerca sociale
Così Facebook sceglie la pubblicità per noi
Età, sesso, luogo di residenza. Ma anche cose molto personali e impreviste: nulla di noi sfugge all'algoritmo pubblicitario di Facebook.
I bitcoin sono anonimi? Non per molto
Un brevetto di Amazon può rendere possibile identificare chi usa bitcoin e altre criptomonete: una tecnologia interessante... che di nuovo solleva la questione della privacy su Internet.
Giornalisti elettronici per l'imparzialità
Una start-up americana ha realizzato un sistema di intelligenza artificiale in grado di scrivere notizie perfettamente imparziali.
Cina: arrestato dall’Intelligenza Artificiale
In Cina la polizia arresta un ricercato identificato da un sistema di AI tra le decine di migliaia di persone presenti a un concerto. Ottimo risultato per la tecnologia, ma come la mettiamo con i diritti?
La dittatura dell'intelligenza artificiale
Secondo Elon Musk lo sviluppo incontrollato dell’intelligenza artificiale potrebbe portare alla distruzione del mondo così come lo conosciamo.
AlterEgo: le cuffie che googlano i tuoi pensieri
Il dispositivo del MIT interpreta le tue intenzioni senza bisogno di parole, trova le risposte e te le sussurra all'orecchio: in un vicino futuro i desideri non andranno nemmeno formulati a voce alta.