Foto e video falsi: una app-soluzione
Deep fake: due app per scoprire foto e video falsi. Ecco come funzionano
BeeMe, lo scherzetto inquietante di Halloween
Prendere il controllo delle azioni di un attore, impegnato contro una AI: dal MIT un esperimento di intelligenza collettiva online dagli esiti incerti, per la festa più paurosa dell'anno.
Gli Echo di Amazon sono arrivati in Italia
E grazie a GialloZafferano ti aiutano in cucina
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

L'uomo licenziato dal computer
Storie del XXI secolo, di quando i lavoratori sono "risorse" accidentalmente umane: un computer licenzia un dipendente.
Perché la protesta di Wikipedia italiana
L'enciclopedia online è oggi inaccessibile per un'iniziativa di protesta contro due nuove regole sul copyright che l'Unione Europea si prepara a votare. Ecco che cosa dicono le leggi.
Microchip sottopelle: lo faresti?
Una sorprendente percentuale di svedesi si è fatta impiantare un microchip sottocutaneo da usare come carta di credito, chiave elettronica e via dicendo.
Blockchain: come può cambiarci la vita
Un metodo per gestire in sicurezza i dati digitali, finora usato soprattutto per le criptovalute, può trovare applicazione in molti ambiti della vita quotidiana.
L’AI di Facebook ti apre gli occhi
Un sistema di intelligenza artificiale corregge il problema degli occhi chiusi nelle foto, con risultati eccezionali, fino a oggi fuori dalla portata di qualunque automatismo.
Nuovi mestieri: il curatore di testamenti digitali
Quando passeremo a miglior vita, che sarà della nostra presenza online? Social network, conti correnti, iscrizioni e abbonamenti: ora c'è chi se ne potrà occupare quando non ci saremo più.
Facebook: nuove accuse sull'uso dei dati personali
Secondo il New York Times l’azienda di Palo Alto avrebbe stretto accordi con i colossi dell'elettronica permettendo loro di accedere ai dati di milioni di utenti. Facebook però smentisce.
 
Papua Experiment: Facebook spento per un mese
Il Paese spera così di fare pulizia di falsi profili e account che diffondono fake news e pornografia. Curiosa iniziativa, in un contesto in cui solo il 12% della popolazione ha accesso a Internet.