Foto e video falsi: una app-soluzione
Deep fake: due app per scoprire foto e video falsi. Ecco come funzionano
BeeMe, lo scherzetto inquietante di Halloween
Prendere il controllo delle azioni di un attore, impegnato contro una AI: dal MIT un esperimento di intelligenza collettiva online dagli esiti incerti, per la festa più paurosa dell'anno.
Gli Echo di Amazon sono arrivati in Italia
E grazie a GialloZafferano ti aiutano in cucina
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Azienda a caccia di geni
La Bleum, un'azienda informatica cinese, è disposta ad assumere solo laureati americani "geniali". Saranno accettabili solo se proveranno di avere almeno 125 punti di QI.
Il misterioso codice USA
Grande curiosità per il misterioso motto del nuovo reparto di contromisure informatiche dell'esercito americano. Cosa nasconderà il codice segreto? Scopriamolo!
Soldati israeliani ballano
Un gruppo di soldati si filmano mentre ballano in servizio sulle note di Tick Tock di Kesha. E' subito scandalo e le forze armate israeliane minacciano severe punizioni.
Google paga le tasse ai gay
L'azienda di Mountain View cerca di riequilibrare il trattamento di coppie eterosessuali e omosessuali, concedendo dei benefit aggiuntivi a quest'ultime, le quali devono far fronte a tasse aggiuntive, come da leggi federali statunitensi.
Il browser rende daltonico
L'estensione per Google Chrome è stata creata per spingere sempre più webdesigner a tenere conto dei disagi di chi è affetto da problemi visivi, attraverso la simulazione di tali problemi.
Internet 1000 volte più veloce
La tecnica "flow switching" permetterebbe di velocizzare e al contempo di diminuire in consumi. Ma servono investimenti. Come ci si sta muovendo?
Facebook e i suoi numeri
I ritmi vertiginosi di crescita pongono problemi non banali di come organizzare l'architettura al fine di garantire sempre velocità e minimizzare i costi di ampliamento dei data center. Scopriamo come si muove Facebook.
Scade Google Cina
Per ottenere il rinnovo niente più redirect a Google Hong Kong. Google ci prova con un redirect quasi-automatico, che forse non va neppure bene al governo cinese.