Digital Life

YouTube parla sempre più lingue

Traduci i video in tutti (o quasi) gli idiomi.

di
Da Google ci si deve sempre aspettare novità. Così, dopo aver finalmente rilasciato l’application ufficiale per iPhone, YouTube diventa ancora più disponibile per tutti, grazie alla nuova funzione di traduttore.

"Prima della traduzione è necessario avere un file dei sottotitoli"
Da tutto il mondo - Era già possibile sfruttare Google Translator per riuscire a trasportare nella propria lingua i video. O mettere dei sottotitoli. Ora in un post del blog ufficiale è stato annunciato che sarà possibile sfruttare il Translator Toolkit per la traduzione direttamente dalla pagina di gestione dei tuoi video in oltre 600 lingue, comprese le meno conosciute.

Sempre più in là - Il sostegno dato dal normale Translator si ferma a circa 60 diverse possibilità, ma ora i tuoi video potranno sfondare ancora più facilmente i confini e diventare internazionali. Poter riprodurre un clip in diverse lingue, in effetti, permette di rendere ancora più globale un contenuto, sia che tu lo stia pubblicando sia che tu lo stia semplicemente guardando. Se poi hai difficoltà a tradurre tutto, puoi persino farti aiutare dagli altri utenti grazie alla funzione “Request Translations” (cioè “richiedi traduzioni”).

In attesa di altri passi - L’unica pecca è che per ora o usi il Toolkit automatico che c’era già o il lavoro te lo devi fare da solo, quanto meno per quel che riguarda i sottotitoli. Ancora non siamo arrivati al punto di far tradurre ai computer le parole dette ad alta voce, per quanto registrate. Per ora ti puoi comunque accontentare, ed accedere al tuo canale per poterti lanciare nel mondo dello streaming internazionale. Se calcoli che i visitatori di YouTube sono più di 800 milioni al mese, di cui il 70% provenienti da 43 stati non americani, puoi intuire quali siano le nuove potenzialità. Quindi, buon lavoro!

Tre segreti per creare video virali su YouTube

26 settembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us