Digital Life

Wired Online: "Il web è morto". Incoerenza 2.0?

L'ironia di un annuncio.

"Il web è morto" proclama a caratteri cubitali un articolo pubblicato prima su Wired Online e poi riportato in tutta la sua gloria come copertina dalla versione cartacea della prestigiosa rivista di tech lifestyle. Lo stile scandalistico sembra un po' echeggiare le polemiche sul Punk che vigevano negli anni ottanta, ma l'articolo (una volta superata la naturale antipatia per le affermazioni ad effetto) propone una visione di certo interessante dei recenti sviluppi tecnologici. L'autore Chris Anderson, editor della versione cartacea della rivista, decreta che il web sta venendo lasciato in disparte dalle applicazioni per iPhone ed iPad, dagli "elettrodomestici intelligenti" e dedicati ad una specifica forma di comunicazione come l'Xbox, e dai software specializzati come Skype. Dopo aver passato anni a dire che tutta la rete sarebbe stata mangiata dai browser, insomma, alcuni media guru oggi hanno cambiato idea: il pubblico ha scelto "il nuovo vecchio", le applicazioni singole che vengono incontro alle necessità immediate, che customizzano l'esperienza online e che soprattutto permettono agli sviluppatori di concretizzare i propri investimenti. Piccoli mondi autosufficienti, insomma, più controllati e non anarchici ma più soddisfacenti da usare per gli utenti.

Chris ha dalla sua un buon argomento: dice che è impossibile ottenere guadagni significativi dalla rete, non importa quanto siano ricchi e interessanti i contenuti. Moltissime riviste online annaspano, è vero, l'ironia forse sta nel fatto che Wired.com non è una di queste ed ottiene un profitto significativo dalla sua pubblicazione su Web. Anderson, comunque, non è nuovo a simili boutade. Timoniere di una rivista cartacea che tratta di tecnologie e progresso nell'anno del Signore 2010, Chris si sente un po' spaesato e, sotto sotto, in diretta concorrenza con i suoi colleghi online di Wired.com.

Ci troviamo davanti, insomma, davanti ad un'elegante provocazione, che purtroppo esaurisce molto in fretta il suo potenziale e scade nella più classica delle discussioni sul sesso degli angeli.

19 agosto 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us