Digital Life

Web 2.0: arrivano i porno-domini ".xxx"

L'estensione ".xxx" diventerà operativa.

La guerra per il riconoscimento dei domini "a luci rosse" dura da 10 anni, ma l'ente che ne se occupa continua a rimandare. A giugno è attesa la decisione definitiva riguardo le estensioni .xxx per siti web a contenuto sessualmente esplicito.

“Le associazioni anti-pornografia insorgono”

XXX - L'Icann (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers), ovvero l'organismo internazionale che gestisce i domini internet, in realtà, aveva già dato il via libera ai “.xxx” nel 2005 dopo 5 anni di discussioni. L'idea era di creare una sorta di distretto virtuale a luci rosse dove far convogliare tutti i siti porno come già avviene per quelli educativi (.edu), istituzionali (.gov), le organizzazioni (.org) o i siti commerciali (.com), e dei singoli paesi.

Forti critiche - La decisione di creare il dominio di primo livello con la tripla X ha scatenato un'ondata di critiche e proteste da parte delle associazioni contro la pornografia e dei genitori, congregazioni religiose e la lista sarebbe lunga. Purtroppo il porno sul web è una realtà, e un business fiorente, e i domini “.xxx” avrebbero consentito di circoscrivere il fenomeno e renderlo più facilmente gestibile da parte dei filtri parentali che ne bloccano la visualizzazione ai minori.

Ci risiamo - Adesso il problema si ripresenta puntuale. L'Icann avrebbe già dovuto pronunciarsi in merito in occasione del meeting di marzo a Nairobi, ma ha rimandato la decisione all'incontro di giugno a Bruxelles. E questa volta non può più fare finta di niente.

Domini non-latini - Intanto, l'Egitto ha registrato il primo dominio Internet composto da caratteri non latini. In lista per il completare le procedure di registrazione, ci sarebbero anche l'Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, ma anche la Russia e la Giordania.

7 maggio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us