Digital Life

I videogiochi fanno bene al cervello? Il dibattito continua

Uno studio dimostrerebbe che i bambini appassionati di videogiochi hanno memoria e tempi di reazione migliori rispetto ai coetanei non giocatori.

Videogiochi sì o no? Fanno male ai bambini o, al contrario, contribuiscono a sviluppare alcune capacità del cervello? Il tema è dibattuto da anni e, a dirla tutta, diversi studi sono giunti a conclusioni molto diverse.

L'ultima ricerca in questo campo è stata condotta negli Stati Uniti e afferma che i bambini appassionati di videogame hanno una memoria e tempi di reazione migliori rispetto ai compagni più analogici. I ricercatori si sono avvalsi dei dati raccolti nell'Adolescent Brain Cognitive Development (ABCD) Study, uno dei più ampi database al mondo sullo studio a lungo termine dello sviluppo cerebrale di bambini e adolescenti.

Gamers contro tutti. Lo studio ha coinvolto 2.000 bambini tra i 9 e 10 anni di età divisi in due gruppi: quelli che giocavano almeno tre ore al giorno, e quelli che non avevano mai giocato. Entrambi i gruppi sono stati sottoposti a test per la valutazione della memoria a breve termine e della velocità di reazione agli stimoli.  Tutti i partecipanti allo studio, nel corso del test, sono stati sottoposti a risonanza magnetica per immagini del cervello.

Bader Chaarani, autore dello studio, afferma che i videogiocatori non solo sono andati meglio nei test, ma hanno anche mostrato una maggiore attivazione delle zone del cervello responsabili dell'attenzione e della memoria. Lo studio non si è concentrato sulla tipologia di videogiochi utilizzati dai bambini, anche se la maggior parte di loro ha dichiarato di preferire sparatutto giochi d'azione piuttosto che giochi di logica o quiz.

Conclusioni affrettate? Jenny Radesky, direttore del dipartimento di pediatria comportamentale dell'Università del Michigan spiega alla CNN come questa ricerca confermi altri studi secondo i quali giocare ai videogiochi un paio di ore al giorno avrebbe effetti positivi sul benessere mentale.

Il dibattito continua. Ma prima di correre ad accendere la consolle è bene sottolineare, come spiega la stessa scienziata, che il lavoro di Chaarani non dimostra un rapporto causale tra l'utilizzo dei videogame e le migliori prestazioni cerebrali, ma solo che i videogiocatori partecipanti al test hanno riportato punteggi più alti in alcune prove. Il dibattito, comunque, continua.

7 novembre 2022 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us