Digital Life

Un malware si trasmette attraverso falsi inviti di Linkedin

Falsi inviti del social network spammati a tutti.

La musica è sempre la stessa: i malware si evolvono ma restano più o meno simili, quello che cambia è il “piano” di chi li diffonde. Al giorno d’oggi conta moltissimo il trucco con il quale si vince la diffidenza degli utenti per avere successo nello sporco mondo del cybercrime.

Questa volta è Linkedin il tramite. La fiducia nel social network del lavoro è altissima, ed è certamente ben riposta. Purtroppo ZeuS, un trojan, utilizza dei falsi inviti di questo sito per diffondersi. Se una vittima clicca uno dei link viene condotto ad una pagina che mostra solo una scritta “Please Waiting, 4 seconds” [sic] e poi sono ridirezionati su Google. E' durante il redirect che succede il danno, perchè gli utenti sono convogliati in silenzio attraverso un sito che utilizza un pacchetto di exploit, equipaggiato per sfruttare decine di vulnerabilità dei browser in giro al giorno d’oggi. Se il sistema non è protetto e sopratutto aggiornato, il risultato è di avere ZeuS installato sul sistema. Considerato che lo scopo di questo malware è di rubare le credenziali degli account bancari, direi che se vi è capitato si tratta di pessime notizie.

La campagna criminale è stata massiccia: negli ultimi giorni il 24% dello spam erano questi inviti finti di Linkedin. A costo di risultare monotono: fate attenzione ad avere un sistema operativo sempre aggiornato. E' anche un'ottima idea consultare avvisi e notifiche dei social media attraverso un client dedicato o anche meglio direttamente sul proprio account nella home del sito, ed evitare questo genere di mail come la peste.

29 settembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us