Digital Life

Un dipendente spiega la chiusura di Bizarre

Sempre più difficile lanciare nuove licenze

Un ex dipendente di Bizarre, Gareth Wilson, ha spiegato a Eurogamer alcuni retroscena relativi alla chiusura dello studio da parte di Activision.

“Il 2010 è stato l'anno con le medie voto più alte”

"Dopo l'acquisto di Bizarre l'industria è cambiata pesantemente. In particolare, lanciare una nuova licenza in questo momento del ciclo delle console è rischioso", afferma Wilson. "Non si tratta solo di Blur. Anche IP quali Enslaved, Alan Wake e Vanquish hanno faticato a livello di vendite mentre Halo: Reach e Call of Duty hanno stabilito nuovi record".

"Quando ci è stato detto che Activision avrebbe voluto vendere o chiudere lo studio, molti hanno iniziato a guardarsi intorno nella speranza di trovare un acquirente". Molti puntano il dito contro Blur, gioco di corse che ha deluso le aspettative commerciali del publisher.

"La data di lancio probabilmente non aiutava ma al giorno d'oggi quel bacino d'utenza di due o tre milioni di acquirenti è sempre più difficile da trovare. Oramai i giochi o hanno un successo incredibile e vanno oltre i quattro milioni oppure non riescono a raggiungere il break even. Inoltre il livello qualitativo è aumentato enormemente. Sapevate che nel 2010 ci sono stati più giochi con una media voto superiore all'80 rispetto a qualsiasi altro anno?".

Qualche giorno fa Bizarre ha dato l'addio ai fan con un filmato realizzato dallo studio. "Siamo orgogliosi dei commenti della gente. In particolare ci ha fatto piacere sapere che per molti Blur è stato il miglior gioco di corse del 2010".

24 febbraio 2011 Stefano Silvestri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us