Ultimissime dalla Facebook F8 Conference

Cosa cambia sul social network?

facebook_novita_165327

Dalla terza conferenza F8 degli sviluppatori Facebook emergono parecchie novità. Quelle maggiormente in primo piano sono sicuramente il pulsante Globale Like, l'auto-connect verso qualsiasi sito e un clone della barra di Meebo.

Il like globale è una sorta di onnipresente megapulsantone che sarà possibile attivare in qualsiasi pagina web. Un'azione così semplice come il "Mi piace" nasconde in realtà un'importanza e un compito tutt'altro che secondari, cioè quello di garantire un flusso enorme di dati al social network. Infatti ogni contenuto sarà fruibile da Facebook e in formato Facebook-friendly. Se da anni la politica di Google è quella di investire tempo e risorse indicizzando i contenuti, Facebook tenta di far indicizzare i contenuti al web stesso che li contiene, inducendo i webmaster ad integrare Facebook nelle loro pagine.

L'auto-connect è una nuova - e invadente - feature che condivide in automatico i tuoi dati con siti su cui non ti sei mai registrato. Se prima eri tu a decidere quali siti collegare al tuo account Facebook e quali lasciare ben separati, adesso Facebook si prende la briga di pre-approvarli per te. Per darti un'esperienza di navigazione più personalizzata, dicono.

Della barra "presa in prestito" da Meebo si sa ancora poco, se non che probabilmente conterrà strumenti di sharing, di chat e forse pure informazioni pubblicitarie.

Ulteriore importante novità, invece, riguarda la rimozione del limite di 24 ore per la conservazione dei dati degli utenti. Finora un sito connesso a Facebook poteva conservare i dati da esso ottenuti solo per 24 ore, dopo le quali doveva cancellare i dati o aggiornarli. Questa procedura, da molti ritenuta inefficiente anche se efficace (i dati sono sempre piuttosto aggiornati), è stata adesso rimossa. Ciò causa qualche perplessità riguardo a come venga salvaguardata la privacy, ma bisogna comunque ricordare che molte applicazioni disattengano già all'obbligo di rimozione dopo le 24 ore.

Tutte queste novità indicano che Facebook vuole sì favorire gli scambi sociali, la condivisione e la discussione di risorse web, ma che è interessata soprattutto a diventare una sorta di spina dorsale del web, che tutto ingurgita e tutto gestisce, sempre più in maniera automatica, e con cui ogni navigatore dovrà probabilmente confrontarsi. E in questo non ci sarà spazio per il consenso preventivo ed esplicito dell'utente.

22 Aprile 2010

Codice Sconto