Digital Life

Ucciso Bin Laden: Twitter anticipa Obama

I social network battono la Casa Bianca.

Il leader di Al Qaeda è stato ucciso con un colpo di arma da fuoco alla testa nel corso di un blitz in Pakistan. E, prima che il Presidente Obama lo comunicasse alla nazione, la notizia sbarca su Twitter.

“La notizia della morta del leader di Al Qaeda porta la forma di Keith Urbahn su Twitter”

blitz in Pakistan - L'America è in festa. Osama Bin Laden è stato “terminato” nel corso di un blitz in Pakistan condotto dal comando americano a Abbottabad, una cittadina a una cinquantina di chilometri a nord dalla capitale Islamabad. L'operazione si è svolta in collaborazione con l'anti-terrorismo pachistano.

Giustizia è fatta - La notizia della morte di Osama Bin Laden si diffonde rapidamente in rete ancora prima dell'annuncio alla nazione da parte del Presidente Obama. Il primo tweet che annuncia che c'è in ballo qualcosa di grosso porta la firma di Steve Brusk della Cnn che riferisce di una notizia collegata alla sicurezza nazionale. La conferma dell'uccisione del leader di Al Qaeda è di Keith Urbahn, capo di stato maggiore dell'ex segretario alla Difesa Donald Rumsfeld, che riporta una soffiata di una persona affidabile informata sui fatti appena un'ora dopo l'uccisione. Notizia confermata a stretto giro di post da Jill Scott, produttore della CBS.

Rete in subbuglio - La notizia fa rapidamente il giro del mondo e gli utenti si scatenano. La pagina su Facebook “Osama Bin Laden is DEAD” dedicata all'avvenimento conta già 150.000 “mi piace”, mentre sulle Google Maps spunta il luogo esatto dell'esecuzione da parte dei Navy Seals. (gt)Silvia Ponzio

2 maggio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita, privata e politica, di Winston Churchill, il grande statista inglese che ha salvato il mondo dalla follia di Hitler. Il segreto della sua forza, le – non poche – debolezze, l'infanzia e i talenti dell'inquilino più famoso di Downing Street. E ancora: come nel 1021 il vichingo Leif Eriksson “scoprì” l'America; nella Vienna di Klimt; tutti gli inquilini del Quirinale; Tangentopoli e la fine della Prima Repubblica.

ABBONATI A 29,90€

Il lockdown e la rivoluzione digitale stanno cambiando il nostro modo di curarci. Ecco come gestire al meglio televisite e bit-terapie. Inoltre, gli impianti nucleari di nuova generazione; la prima missione del programma Artemis che ci riporterà sulla Luna; i vaccini e le infinite varianti del Coronavirus

ABBONATI A 31,90€
Follow us