Digital Life

Twitter pronta a sostituire i "preferiti" con i "like"?

In fase testing una nuova funzione

di
Che Twitter stia per copiare Facebook? Così pare. Il social network cinguettante sembra pronto a far sparire i "Preferiti" dai nostri post sostituendoli con i “Like”. O forse con “Star”. Per ora, però, questa nuova funzione è in fase di testing solo per alcuni utenti.

"Piccole innovazioni vengono testate quasi ogni giorno, ma non è detto che poi restino"

Mi piace. O no?

Like

Preferito

Star

No comment - I vertici di Twitter, per il momento, hanno preferito non commentare, trincerandosi dietro il proverbiale “muro di silenzio”. Anche perché questo test potrebbe anche non avere nessun seguito. Già lo scorso maggio i tweet subirono una ristrutturazione sostanziale, così da mettere in maggior rilievo proprio quei messaggi contrassegnati come "preferiti". Inoltre gli sviluppatori, in quella stessa occasione, avvertirono gli utenti che era loro abitudine testare alcune novità su alcuni account scelti a caso. E nulla vietava loro di accantonare queste innovazioni sperimentate nel caso in cui si fossero rivelate sbagliate o non corrispondenti alle loro attese.

Perché - Se Twitter dovesse realmente decidere di adottare “Like” al posto del “Preferiro”, comunque, lo farebbe non senza alcuna ragione. La funzione "Preferito", pur essendo utilizzata già da milioni e milioni di utenti - secondo dati citati dal sito statunitense TheNextWeb - potrebbe incutere invece una sorta di timore reverenziale in molti altri utilizzatori. Che quindi preferiscono evitarla. Un più “amichevole” “Mi piace”, invece, potrebbe portare molte più persone a segnalare quei cinguettii che hanno colpito la loro attenzione. Facendoli girare tra le loro cerchie di amici e follower vari. Ma sarà poi davvero così? (sp)

trucchi - Migliora la tua reputazione online in tre mosse

24 ottobre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us