Digital Life

Twitter cambia logo e punta sulla pubblicità

Sparisce la "t" e resta solo l'uccellino.

di
Becco all'insù e ali pronte a spiccare il volo: dopo sei anni per Twitter sembra proprio arrivato il momento della svolta.

"I ricavi previsti per il 2012 sono di 260 milioni di dollari, 540 nel 2014"

Pronto a volare -

un post sul suo blog ufficiale

Nato mobile - Soldi che verranno dalle app per dispositivi mobile, smartphone e tablet, che stanno già sperimentando le sponsored stories tra un tweet e l'altro. Il modello di business di Twitter, infatti, è l'inserimento dei tweet sponsorizzati nello stream in modo da non appesantire e non stravolgere il normale uso del servizio. I 140 caratteri del tweet standard, poi, sono intrinsecamente pensati, nati si potrebbe dire, per i cellulari e per questo Twitter ha intenzione di puntare al massimo su questa fetta di utenza. E lo fa partendo avvantaggiata rispetto a Facebook, Google+ e gli altri social che hanno già le proprie applicazioni per mobile, ma ancora non riescono a farle rendere a sufficienza - nel caso di Facebook, che vorrebbe produrre in casa uno smartphone per correre ai ripari - o ancora non hanno inserito la pubblicità - nel caso di Google+.

Arrivano i soldi - Ma quanto rende la pubblicità di Twitter? A quanto pare abbastanza. Se Facebook ha ammesso più volte di non essere ancora in grado di monetizzare a sufficienza i suoi oltre 400 milioni di utenti su smartphone e tablet, infatti, Twitter chiuderà il 2012 con un brillante risultato: 260 milioni di dollari di ricavato. Le stime al 2014 parlano di 540 milioni di ricavato. Senza parlare di una possibile, e probabile, collocazione in borsa dell'azienda che farebbe fare un ulteriore salto in avanti alle sue potenzialità. Capito perché l'uccellino ha aperto le ali? (sp)

Le playmate di playboy si svelano su Twitter

8 giugno 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us