Digital Life

Telecom Italia introduce i filtri P2P

Telecom Italia attiva i filtri.

Nonostante la notizia sia cattiva, non si può negare che l’intenzione della trasparenza sia presente: Telecom Italia ha deciso di filtrare il traffico P2P di chi ne fa un uso eccessivo. Il messaggio è piuttosto chiaro, anche se avvolto da un interessante alone di politically correct, piuttosto inusuale i gestori di telefonia nostrani. Si vede che i manager del colosso delle comunicazioni hanno capito bene che il pubblico gradisce poco questo genere di iniziativa, pericolosa perchè rivolta all'individuo e quindi capace di generare una disaffezione immediata per l'azienda.

"Allo scopo di garantire l'integrità della rete e il diritto da parte della generalità degli utenti di accedere ai servizi di connettività ad internet anche nelle fasce orarie in cui il traffico dati è particolarmente elevato, Telecom Italia, nel rispetto del principio di parità di trattamento e ove necessario, si riserva la facoltà di introdurre per tutte le offerte e/o i profili commerciali che prevedono traffico dati su tecnologia ADSL, meccanismi temporanei e non discriminatori di limitazione all’uso delle risorse di rete disponibili".

Viene anche offerta una pagina che tiene d’occhio le aree soggette a limitazione e gli orari, che comunque coinvolgeranno solo “le ore di punta”. Nel momento in cui sto scrivendo l’articolo non vi sono ancora attive limitazioni di sorta in nessuna zona della penisola e spero che il sito di segnalazione non sia “aggiornato” bene come quello degli autovelox.Chissà se ora anche gli altri gestori si metteranno a filtrare il traffico, oppure approfitteranno della notizia per allettare nuovi utenti? Per una buona percentuale di persone l’innalzamento di filtri è una cattiva notizia ed una ragione per passare ad un’altra azienda, ma al momento non sappiamo quanto Telecom Italia sarà severa nelle proprie politiche.

22 febbraio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us