Digital Life

Stress da social network? Ecco come funziona e come si evita

L'effetto collaterale dei nostri amati social network è un certo carico di stress. Il problema è che, fino a oggi, secondo gli scienziati abbiamo sbagliato la "cura".

Che l’abuso di social possa risultare anche una fonte di stress, la scienza lo va dicendo da un pezzo. Ma che cosa, precisamente, scatena questa reazione mentre abbiamo a che fare con la nostra proiezione sui vari Facebook, Instagram, Whatsapp ecc.? Per scoprirlo un gruppo di scienziati di tre università europee (Bamberga, Lancaster e Norimberga) ha realizzato uno studio su 444 utenti tedeschi di Facebook, intervistandoli tre volte in un anno per scoprire come rispondevano allo stress da social media.

Cosa ci stressa? Prima di analizzare i risultati della ricerca, una domanda: ma cos’è che ci stressa dei social? Se la sono posta gli autori dello studio, arrivando a questa risposta: a stressarci sarebbe il flusso costante di messaggi, aggiornamenti e contenuti che le app dei social media trasmettono fin dentro le nostre tasche, invadendo il nostro spazio personale e obbligandoci a rispondere per mantenere amicizie. Ci sentiamo costretti a rispondere alle sollecitazioni sociali più che in passato e a farlo anche in momenti in cui vorremmo starcene per i fatti nostri. Da qui l’idea sempre più diffusa di prendersi dei periodi di digital detox, staccando la spina dei social per un po’. Ma poi, buone intenzioni a parte, riusciamo davvero a farlo? Purtroppo no. Ciò che vale in teoria, non è detto che funzioni anche nella pratica...

Reagire al tecno-stress. "Di fronte a questa pressione", si legge nella presentazione dello studio, "molti di noi finiscono per usare i telefoni ancora più frequentemente, spesso in modo compulsivo". Al contrario di quanto accade in altre situazioni sociali stressanti, dove ci difendiamo distraendoci e allontanandoci da ciò che ci sollecita più del dovuto, con lo "stress da social media" non riusciamo a farlo. In altre parole, per sfuggire allo stress indotto da un'accesa discussione con qualcuno su Facebook finiamo per usare ancora di più il social network anziché dedicarci a un hobby, fare una passeggiata o giocare coi bambini. Come in un circolo vizioso.

Alla lunga, secondo gli autori della ricerca, si può creare anche una dipendenza. Alcune funzionalità dei social media, infatti, sembrano pensate per creare la sensazione di poterne fare più a meno, come i feed di contenuti infiniti e la riproduzione automatica di video.

Come uscirne? Per cominciare a liberarsi dallo stress da social dobbiamo prima di tutto esserne consapevoli. "Il primo passo per affrontare questo tipo di reazione è la consapevolezza", spiegano gli autori dello studio. "Se abbiamo consapevolezza dei diversi modi in cui ci comportiamo sui social media, avremo maggiori probabilità di separare gli effetti dannosi da quelli più favorevoli". Ed eviteremo così di usare i social network in un modo dannoso.


Chissà che, ora che avete letto questo articolo, se dovesse capitarvi di sentirvi stressati dai social network, non riusciate a trovare finalmente la forza di allontanare lo smartphone anziché "cercare rifugio" su Facebook, Instagram & c.!

22 settembre 2019 Eugenio Spagnuolo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us