Digital Life

Stati Uniti: Facebook diventa meno privato in tribunale

Privacy sempre meno importante.

Un nuovo, preoccupante trend si sta manifestando oltreoceano: a quanto pare i giudici statunitensi tendono ad approvare sempre di più le richieste che riguardano la ricerca di materiale sui profili privati di Facebook, e questo riguarda anche le cause civili

La casistica è resa anche più minacciosa ai miei occhi dall’imprevedibilità delle motivazioni che spingono i magistrati a concedere questa possibilità. Da un articolo della Reuters si vede che la privacy degli imputati compromessa in situazioni molto differenti tra loro. Ad esempio, abbiamo un pilota di auto da corsa che ha fatto causa ad un particolare circuito a causa di un incidente, che gli avrebbe “sottratto la gioia di vivere”. Gli avvocati dell’azienda che gestisce la pista hanno replicato che il pilota mente, perchè sul suo profilo privato sono comparse foto di lui in spedizioni di pesca o alla Daytona 500.

Ancora più paradossale la situazione di una donna, in causa con un’azienda che produce sedie per essere stata ferita in una caduta rovinosa da una di esse. Secondo l’azienda, sulla pagina di Facebook della donna ci sono “faccine sorridenti” e immagini di lei felice davanti a casa, completamente incompatibili con la vita tragica e menomata che la donna dice di fare.

Chiaramente, è nell’interesse di un avvocato difensore usare qualsiasi strumento per sbugiardare l’accusa, ma mi chiedo se sia sensato insistere che i profili privati sono di fatto considerati tali dalla legge, quando stanno diventando incredibilmente facili da usare in tribunale contro chi li ha pubblicati. Onestamente, non riesco a capire la differenza da un’intercettazione telefonica, ma evidentemente gli Stati Uniti iniziano a pensarla in modo diverso.

Immagine CC di Alancleaver_2000

31 gennaio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us