Digital Life

In Iraq Internet spento durante gli esami di fine anno

Il governo iracheno decide di bloccare l'accesso a Internet in tutto il paese durante gli esami di fine anno. Si tornerà a copiare con i sistemi di una volta?

Per gli studenti iracheni barare agli esami è sempre più difficile: anche quest’anno il governo di Baghdad ha infatti deciso di spegnere Internet nei giorni in cui si sono svolte le prove di fine anno per le scuole ogni grado.


L’interruzione è stata resa nota da Akamai, che gestisce una delle più importanti infrastrutture della Rete, ed è stata twittata dagli analisti di Dyn Research.


Come si vede dai grafici, tra il 14 e il 16 maggio scorso le connessioni fisse e mobili dell’Iraq sono state spente tre volte, ciascuna per un periodo di 3 ore, giusto il tempo di un compito in classe.

Ritorno al bigliettino? La conferma che il black-out non sia da collegare a motivi di sicurezza o terrorismo viene da EarthLink, uno degli Internet Service Provider iracheni: il 16 maggio l’azienda ha pubblicato un aggiornamento sulla propria pagina Facebook nel quale spiega che «Secondo le direttive del Ministro per le Comunicazioni i servizi Internet saranno sospesi in tutto l’Iraq durante le prove d’esame, tra le 5.00 e le 8.00 del mattino»

L'interruttore di Internet. Lo spegnimento della Rete non è una pratica del tutto nuova: l’Iraq l’aveva già messa in pratica sia lo scorso anno, sia in occasione degli esami sia per ostacolare le comunicazioni tra i miliziani dello stato islamico.

Secondo The Register, gli esami che hanno dato il via a questa radicale decisione, sono quelli del sesto anno delle scuole irachene, che sono obbligatorie soltanto fino a 11 anni: chi non ottiene voti alti durante questa prova difficilmente proseguirà nei suoi studi. Dunque le prospettive di carriera dipendono moltissimo dai risultati e pare che gli studenti ricorrano a ogni metodo - lecito e illecito - pur di far bene e proseguire negli studi.

25 maggio 2016 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us