Digital Life

In Iraq Internet spento durante gli esami di fine anno

Il governo iracheno decide di bloccare l'accesso a Internet in tutto il paese durante gli esami di fine anno. Si tornerà a copiare con i sistemi di una volta?

Per gli studenti iracheni barare agli esami è sempre più difficile: anche quest’anno il governo di Baghdad ha infatti deciso di spegnere Internet nei giorni in cui si sono svolte le prove di fine anno per le scuole ogni grado.


L’interruzione è stata resa nota da Akamai, che gestisce una delle più importanti infrastrutture della Rete, ed è stata twittata dagli analisti di Dyn Research.


Come si vede dai grafici, tra il 14 e il 16 maggio scorso le connessioni fisse e mobili dell’Iraq sono state spente tre volte, ciascuna per un periodo di 3 ore, giusto il tempo di un compito in classe.

Ritorno al bigliettino? La conferma che il black-out non sia da collegare a motivi di sicurezza o terrorismo viene da EarthLink, uno degli Internet Service Provider iracheni: il 16 maggio l’azienda ha pubblicato un aggiornamento sulla propria pagina Facebook nel quale spiega che «Secondo le direttive del Ministro per le Comunicazioni i servizi Internet saranno sospesi in tutto l’Iraq durante le prove d’esame, tra le 5.00 e le 8.00 del mattino»

L'interruttore di Internet. Lo spegnimento della Rete non è una pratica del tutto nuova: l’Iraq l’aveva già messa in pratica sia lo scorso anno, sia in occasione degli esami sia per ostacolare le comunicazioni tra i miliziani dello stato islamico.

Secondo The Register, gli esami che hanno dato il via a questa radicale decisione, sono quelli del sesto anno delle scuole irachene, che sono obbligatorie soltanto fino a 11 anni: chi non ottiene voti alti durante questa prova difficilmente proseguirà nei suoi studi. Dunque le prospettive di carriera dipendono moltissimo dai risultati e pare che gli studenti ricorrano a ogni metodo - lecito e illecito - pur di far bene e proseguire negli studi.

25 maggio 2016 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us