Digital Life

Sergey Brin tuona contro Apple e Facebook

Negano accesso ai dati e limitano libertà utenti.

di
Secondo il cofondatore di Google ci sono due grandi minacce per il web: i regimi autoritari e le piattaforme chiuse. Come quelle di Apple e Facebook. Ma Google è veramente aperto e libero?

"Facebook e Apple sono dei giardini recintanti dove non si può entrare"


I cattivi del web -

in una intervista rilasciata al Guardian,

L'erba del vicino - Se Apple e Facebook sono dei giardini chiusi, i dati dei loro utenti sono come la famosa erba del vicino: sempre più verde della tua. E, infatti, Google muore dalla voglia di pascolare tra l'erbetta dei due concorrenti , accedendo ai dati dei loro utenti per estrarne le informazioni che gli servono per profilarli a dovere e vendere loro pubblicità Adsense sempre più mirata ed efficace. Ma Brin preferisce metterla sul piano delle libertà e dell'innovazione: «Devi giocare con le loro regole, che sono molto restrittive. Il tipo di ambiente nel quale abbiamo sviluppato Google, la ragione che ci ha permesso di creare un motore di ricerca, è un web molto aperto. Una volta che metti troppe regole, ciò fermerà l'innovazione».

Troppo buono? - La frecciatina a Facebook, che sta cercando di mettere in piedi un motore di ricerca decente senza riuscirci veramente, è evidente. Ma siamo proprio sicuri che Google sia uno stinco di santo? È proprio vero che sia una piattaforma libera per tutti? Di certo c'è che proprio Google sta cercando, con Plus e Search Plus Your World, di creare un altro giardinetto. Per di più recintato, vista l'esclusione di Facebook e Twitter dai risultati social. Certo, Google offre un sacco di prodotti gratuiti agli utenti permettendo loro una esperienza online di alto livello. Ma se lo fa è per il business della pubblicità online, non per beneficenza. (sp)

17 aprile 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us