Digital Life

Secondo Nielsen la pubblicità su iPad è meglio che in TV

La pubblicità è persuasiva!

Recentemente la Campbell’s e Apple hanno fatto un’interessante ricerca sugli iAd, le pubblicità che da qualche mese sono comparse sull’iPad e sui fratellini iPhone e iPod. La Campbell’s è una famosa azienda che produce zuppe (tutti ricorderete il quadro di Warhol) e il brand ha deciso di porsi sotto una nuova luce, meno tradizionale, reclamizzando una nuova linea di minestre povere di sodio attraverso gli iAd. Questa campagna è la prima ad essere studiata con attenzione, con risultati a parer mio piuttosto controversi.

Secondo i risultati dell’analisi, coloro che sono stati esposti all’iAd hanno oltre il doppio delle possibilità di ricordarsi della nuova linea di minestre. Nielsen, che ha condotto lo studio, afferma che Campbell’s diventa addirittura 5 volte più memorabile grazie a questo nuovo tipo di spot. Per mantenere alta l'attenzione del pubblico, assieme alla pubblicità visiva sono stati pubblicati anche coupon, ricette ed un’App. Comprare lo “spazio” per un iAd non è gratuito, il minimo che Apple chiede è 1 milione di dollari, un biglietto di ingresso costoso ma comunque molto inferiore a quello di una campagna televisiva. Altro fatto positivo è la possibilità di sapere con esattezza quanti cliccano sui banner. Nel caso di Campbell’s si è parlato dell’1% di “clickthrough”, un dato non eccezionale ma positivo.

In definitiva, è piuttosto probabile che gli iAd siano davvero più efficaci della televisione in questo particolare momento. E’ però scontato che con la familiarità gli utenti diventeranno altrettanto stufi ed annoiati della pubblicità come su qualsiasi altro media.

4 febbraio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us