Digital Life

Scontri New York: l'unico testimone è il web

Video e testimonianze dei manifestanti finiscono online.

Non si ferma la protesta degli “indignados” americani che manifestano contro la crisi economica e i disagi sociali. I filmati della Polizia di New York che picchia e arresta i partecipanti finiscono sul web e la rete MSNBC denuncia apertamente la brutalità delle forze dell’ordine.

“La vera notizia è la mancanza di notizie da parte delle fonti di informazone tradizionali”

Botte e manette - Un fine settimana di violenza a New York e in altre città degli Stati Uniti. La protesta “Occupy Wall Street” - che manifesta contro la corruzione della finanza, lo strapotere della banche e gli effetti della crisi economica sulla popolazione - ha raggiunto il picco massimo di adrenalina sabato scorso quando il corteo ha cercato di bloccare il ponte di Brooklyn: oltre 700 arresti per “turbamento della quiete pubblica”.

Anomalia mediatica - La notizia, in realtà è la “non notizia”: domenica nessun network o quotidiano di una certa rilevanza degli Stati Uniti - se si esclude un breve articolo di cronaca sul New York Times - riportava informazioni sugli scontri. È il web a trovarsi (ancora una volta) in prima linea, come per la primavera araba, a diffondere e aggiornare l'opinione pubblica su quello che realmente succede nel mondo quando ci sono in ballo situazioni scomode.

Fuori dal coro - Oggi la rete MSNBC denuncia proprio questa mancanza di informazione da parte degli organi di informazione "tradizionale" e promette di trasmettere sul suo blog tutte le video-testimonianze della violenza - definita senza mezzi termini "gratuita" - della Polizia di New York contro i manifestanti malmenati e arrestati.

Silvia Ponzio

La trasmissione di denuncia della MSNBC

3 ottobre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us