Digital Life

Salvo per un tweet dalla pena di morte

Telefono e twitter per invalidare un processo.

Un giurato ha violato con un tweet il segreto imposto dal giudice, invalidando il processo che aveva fatto condannare Erickson Dimas-Martinez all'iniezione letale per rapina e omicidio. È successo negli Stati Uniti.

“Il verdetto in 140 caratteri è stato davvero decisivo”

"È finita"- "Il caffè fa schifo", annuncia il giurato Randy Franco. Non ai suoi compagni ma al mondo intero, grazie a Twitter. Basta un telefono per comunicare i propri pensieri, ovunque ti trovi: anche nell'aula di un tribunale, volendo. Violando le regole. Franco si difende affermando di non avere fatto niente di male – in fondo non è quello che facciamo tutti, twittare?

Nuova era - Gli smartphone permetterebbero ai giurati non solo di comunicare con l'esterno, ma anche di venire influenzati, per esempio, dalla lettura dei quotidiani online e delle opinioni del pubblico sugli eventi sui quali sono chiamati a decidere. Un passo enorme - in avanti o all'indietro? - che non potrà che influenzare in qualche modo lo svolgimento dei processi. Le proposte di vietare o, quantomeno, limitare l'utilizzo di telefoni cellulari iniziano a fioccare.

...e vecchi vizi - Gli avvocati della difesa sono riusciti a salvare l'accusato non solo a causa dei tweet incriminati: pare infatti che alcuni dei giurati, forse per la noia dei loro vecchi telefoni senza collegamento a internet, si siano addormentati durante la discussione del caso. Il dilemma sulla pena di morte si arricchisce di un'ulteriore domanda. Chissà cosa ne pensano, al riguardo, su Twitter?

Chiara Reali

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

13 dicembre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us