Digital Life

Che cos'è la resurrezione digitale? E perché non siamo pronti?

La tecnologia permette di chattare con una persona defunta come se fosse ancora in vita. È la cosiddetta "resurrezione digitale", intorno alla quale c'è un acceso dibattito.

Quanti di voi vorrebbero poter comunicare con un caro venuto a mancare? Probabilmente la maggior parte. Ma nel momento in cui la tecnologia ha offerto un modo per farlo, molti hanno cambiato parere. Stando ai partecipanti di un recente studio condotto negli Stati Uniti e pubblicato sull'Asian Journal of Law and Economics, infatti, nella cosiddetta "resurrezione digitale" (o "clonazione digitale") ci sarebbe qualcosa di terribilmente sbagliato, soprattutto se fatta senza il consenso del diretto interessato, ossia del defunto. Prima di approfondire i risultati della ricerca, però, occorre spiegare nel dettaglio di cosa stiamo parlando.

Finzione reale. Il metodo in questione consiste nella possibilità di scrivere per via telematica a una chatbot, che funziona allo stesso modo delle più note intelligenze artificiali generative (ChatGPT, Bard, Bing), ma con la differenza che, invece di addestrarla sul web, a essa viene dato in pasto tutto ciò che una persona scomparsa ha prodotto di digitale nella sua vita (chat, sms, messaggi vocali, e-mail, eccetera). In questo modo, il software può modellare il suo stile di scrittura su quello del defunto e rispondere ai messaggi in maniera simile a quanto egli faceva quando era in vita, usando le stesse "faccine", commettendo gli stessi errori grammaticali e riproponendo persino le sue caratteristiche in tema di umorismo, sensibilità e gusti. In poche parole, si avrebbe l'impressione di chattarci, come se fosse ancora in vita.

Il sondaggio. Con la tecnologia attuale, far "risorgere" una persona diventa quindi un gioco da ragazzi. È qui che si inserisce lo studio di Masaki Iwasaki, docente dell'Università Nazionale di Seul, che ha condotto la sua ricerca su un campione di 222 statunitensi adulti di diversa età, livello di istruzione e background socioeconomico. Ai partecipanti è stato presentato uno scenario ipotetico in cui una donna ventenne era morta in un incidente stradale, e gli amici e i genitori della stessa stavano valutando l'idea di utilizzare l'AI per ricrearla come androide digitale. A metà dei partecipanti è stato detto che la ragazza non aveva espresso, in vita, il consenso a una eventualità del genere, mentre all'altra metà è stato comunicato il contrario. Ebbene, il 97% degli intervistati del primo gruppo ha ritenuto che sarebbe inappropriato resuscitarla digitalmente, mentre il 58% del secondo si è convinto che sia giusto farlo in presenza di un consenso scritto.

Le conclusioni. Quando la proposta si è però spostata sul personale, il campione coinvolto ha espresso una marcata riluttanza all'idea: il 59% del totale ha affermato che, nel proprio caso, non avrebbe dato il consenso a essere "resuscitato" all'interno di una chat, e addirittura il 40% ha ritenuto che sia socialmente inaccettabile in ogni caso, adducendo motivazioni etiche, religiose e psicologiche, e sottolineando l'importanza del processo di elaborazione del lutto.

Secondo lo studioso, il mondo non è dunque pronto per una prassi del genere, anche a causa di un diffuso pregiudizio riguardo a questa nuova tecnologia; tuttavia sarebbe importante non precludere la possibilità della clonazione digitale a coloro che manifestino un forte desiderio in tal senso.

20 gennaio 2024 Simone Valtieri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us