Digital Life

Razer sfida Microsoft a colpi di pad per Xbox 360

Entra nel mercato Xbox 360 con i pad Onza.

Razer - la nota società americana produttrice di hardware per i professionisti del gaming - presenta i pad Onza che offrono una serie di caratteristiche aggiuntive a cui probabilmente gli stessi possessori della console Microsoft non avevano mai pensato.

“I pad Onza per Xbox 360 hanno una serie di funzioni davvero speciali”

Non mi ha preso i comandi” è una delle scuse più vecchie nella storia dei videogame. Poteva andare bene secoli fa, quando i destini dei videogiocatori erano nelle mani di stick analogici imprecisi, ma oggi come oggi le periferiche a disposizione dei moderni videogiocatori sono di tutto rispetto.

Esiste però da anni un’azienda americana che propone prodotti progettati esclusivamente per i giocatori professionisti. Così, dopo tappetini in teflon e mouse laser che rilevano anche lo spostamento del singolo granello di polvere, Razer decide didedicarsi anche alla realizzazione di pad per console.

Si tratta nello specifico dei Razer Onza - Standard e Tournament Edition rispettivamente da 39,99 e 49,99 euro - che offrono una serie di caratteristiche esclusive. Ci riferiamo, per esempio, ai tasti retroilluminati per vederli meglio se giochiamo al buio, a un’impugnatura antiscivolo qualora la tensione faccia sudare le mani e a un cavo lungo un metro e mezzo ricoperto di una magliatura in fibra che lo protegge ed evita, al tempo stesso, che si attorcigli.

Ma come, il pad non è wireless? No, perché questa tecnologia comporta la perdita di alcuni millisecondi nella risposta, cosa che può fare la differenza nel caso di una sparatoria a Modern Warfare 3.

Interessanti anche i due stick analogici. Basta, infatti, guardare sotto la testa delle levette per accorgersi della presenza di due ghiere dentate che servono a determinarne la resistenza. Uscite troppo spesso di strada a Forza Motorsport 4 perché il vostro “volante” è troppo leggero? Ecco qui la soluzione.

Non è finita qui perché se ruotate il pad sul davanti noterete una pulsantiera dorsale sopra i grilletti analogici che raddoppia i due tasti per ogni lato, permettendo di assegnare loro funzioni supplementari. E non manca, infine, la totale revisione del D-pad. Se, infatti, la sua croce direzionale di Microsoft è posizionata su un'unica piattaforma che si inclina in otto direzioni diverse grazie alla pressione, il sistema di Onza è dotato di quattro pulsanti gestibili singolarmente.

Insomma, se siete dei giocatori esigenti che pretendono il massimo dalla propria console, ora avete trovato il pad che fa per voi. Occhio però: se perderete, non potrete più dire “non mi ha preso i comandi!”.

(sp)

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

LE TOP GALLERY DI JACK

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

13 novembre 2011 Stefano Silvestri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us