Digital Life

Ragazze africane al servizio delle mappe di Google

Le ragazze che mappano l'Africa.

Dopo le google cars, le macchine che tracciano e fotografano le strade per il servizio cartografico di Google, arrivano le Google Gals, le ragazze specializzate in mappe. Dove? Nel più eccellente incubatore tecnologico dell’Africa.

“Un mapping party organizzato da Google, che ha richiesto il contributo delle donne keniote”

Africa tecnologica - L’operazione si chiama "ladies mapping party" e ha coinvolto 70 donne keniote. Si tratta di una festa sponsorizzata da Google a Febbraio nel più noto incubatore di novità tecnologiche del continente nero: l’iHub di Nairobi, una stuttura che è in parte internet café, in parte start-up e in parte bacino di nuove idee.

Donne alle tastiere - Le partecipanti hanno usato il programma Google Map Maker e la loro specifica conoscenza del territorio locale per completare i dati in mano al gigante di Richmond, inserendo nei database: scuole, centri per la salute, ambulatori, mercati, negozi, ristoranti, programmi di sviluppo e strade spesso ignorate dalla cartografia ufficiale.

Team variegato - L’insieme delle partecipanti, secondo una delle responsabili, ben rappresentava il mix di culture e origine del paese africano: studenti di informatica e geografia, sviluppatori web, avvocati, giornalisti. La festa di Nairobi rappresenta la prima volta in cui Google chiede un aiuto diretto ad alcuni dei suoi utenti per un’intensivo lavoro di mappatura.

In via di sviluppo hi-tech - Anche in Pakistan il gigante di Richmond ha progettato un evento simile: il contributo di persone comuni è indispensabile per la, reciproca, crescita e successo dell’impresa tecnologica. E, secondo i partecipanti, l’incremento del contenuto “made in Africa” ben vale un po’ di volontariato per un’azienda che, su quel lavoro, otterrà anche un profitto.

Twitter: celebrità in mostra. Guarda la gallery!

3 marzo 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us