Digital Life

Privacy: le aziende mettono on-line la salute dei lavoratori

Datore di lavoro controlla salute dipendenti.

In Usa la salute è un gran business e, oltre al complesso iter della riforma sanitaria dell’amministrazione Obama, l’ultima notizia riguarda il rapporto tra datore di lavoro e stato di salute dei suoi dipendenti. Il punto debole del sistema potrebbe riguardare il diritto alla privacy ed eventuali discriminazioni dovute a malattie specifiche (tipo Virus Hiv).

“Una nuovo metodo tutto americano per mantenere in salute i propri dipendenti...”

Registrano i dati – L’idea è venuta ad alcuni grandi aziende, come la catena di negozi Wal-Mart, la tecnologica Intel, la British Petroleum e il leader farmaceutico Sanofi Aventis. Queste aziende hanno aderito al consorzio Dossia, che è specializzato nella registrazione online di tutti i dati medici dei dipendenti, provenienti da varie fonti: ospedali, dottori generici, farmacie.

A cosa serve - In pratica la storia medica di ogni singolo dipendente viene registrata e tracciata, sia dal diretto interessato che dal sistema Dossa e, con qualche annessa polemica, anche dal datore di lavoro. Gli interessati assicurano che il sistema serve a tracciare in modo completo lo stato di salute dei dipendenti, raccogliendo in un unico database le informazioni relative a malattie, cure, ricoveri e medicine normalmente utilizzate. Questa registrazione, in mancanza di un servizio sanitario nazionale, permette alle aziende di abbattere i costi per la salute dei propri dipendenti. E permette ai dipendenti di conoscere a fondo il proprio stato di salute e migliorarlo con le cure adatte, incrementando così anche la capacità produttiva sul luogo di lavoro.

Dati sensibili - In teoria i dati registrati sono accessibili e modificabili online solo dai dipendenti, ma il punto oscuro è che fine facciano tutte queste informazioni una volta che il dipendente cambia lavoro. Le aziende consorziate nel sistema di Dossia, assicurano che i dati (molto sensibili) sullo stato di salute non sono accessibili e non verranno ceduti a terzi.

5 maggio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us