Digital Life

Porsche blocca Facebook: la paura è lo spionaggio industriale

Allora sta alla larga da Facebook.

E’ dura produrre automobili di lusso al giorno d’oggi. Da un lato c’è la recessione, dall’altro il pericolo dell’Oriente, disposto a tutto pur di carpire i segreti produttivi e capace di un potere di manodopera sconosciuto in Occidente. Non dovrebbe quindi stupire che i vertici di Porsche abbiano deciso di “chiudere i rubinetti” di Facebook per i propri 13.000 dipendenti, sparsi in tutto il Mondo. La ragione di tale scelta riguarda principalmente lo spionaggio industriale. Facebook è un social media e nel termine “media” è contenuto anche il concetto di comunicazione. Il problema diventa capire chi sta comunicando e per quale ragione.

Per ragioni di sicurezza Facebook ha un database completamente inaccessibile senza ordini del tribunale e per soprammercato le leggi tedesche sono molto severe quando si tratta di rispettare la privacy dei dipendenti. Purtroppo quello che protegge gli utenti non sempre protegge le aziende ed in questo caso il timore era reale: Facebook viene spesso usato dalle agenzie di intelligence straniere come mezzo per avvicinare i dipendenti scontenti, guadagnarsi la loro fiducia ed ottenere informazioni sui cicli produttivi e le tecnologie riservate.

In certi casi, come quelli di Russia e Cina, si sospetta che ci sia la collusione o addirittura l’aiuto diretto da parte dello Stato in questo genere di furti di informazione. La scelta di Porsche, quindi, è ampiamente giustificata. Peccato per i dipendenti, però... Le loro fattorie di Farmville andranno in rovina...

12 ottobre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us