Digital Life

Pirateria: normale per sette persone su dieci

Pirateria normale per 7 persone su 10.

Un recente studio danese ha rivelato che il 70% degli intervistati ritiene socialmente accettabile scaricare materiale illecito da Internet, mentre la maggior parte lo ritiene immorale la pirateria per fini di lucro.

“Il download pirata è accettato solo per uso personale”

Pirati all'attacco - Negli ultimi 10 anni le aziende hanno cercato in tutti i modi possibili di contrastare la pirateria e la condivisione di materiale coperto da copyright sulle reti peer-to-peer. Le software house e i produttori di videogiochi si affidano a sistemi di sicurezza per tentare di impedire la copia e l'uso dei loro prodotti da parte di utenti “non paganti”. Le case discografiche cercano di scoraggiare il fenomeno della pirateria attraverso le vie legali (e multe astronomiche), mentre le major cinematografiche sperano di educare gli utenti alla “legalità” attraverso campagne che illustrano i danni economici arrecati alle aziende dalla diffusione e lo scambio di film coperti dai diritti d'autore. Nessuno ha ottenuto i risultati sperati.

Sì, ma per uso personale - Un recente studio danese condotto dalla Rockwool Foundation Research Unit conferma che la pirateria non è sentita come qualcosa di illegale, almeno non da tutti. Il 70% degli intervistati considera socialmente accettabile il download di materiale coperto da copyright. Nello specifico, il 15-20% lo ritiene assolutamente giustificabile, contro una minoranza del 30% che lo considera inaccettabile. Accettabile, ma a condizione che sia solo uso personale e non rappresenti una fonte di profitto. È curioso che i risultati di questo studio siano praticamente gli stessi di un'indagine simile condotta nel 1997: già allora sette intervistati su dieci consideravano la pirateria socialmente accettabile. Come dire, l'atteggiamento dell'utente medio negli anni non è cambiato di una virgola nonostante gli sforzi congiunti dell'industria dell'intrattenimento.

Scopri chi è l'hacker più sexy del mondo

5 marzo 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us