Digital Life

Per gli americani è lecito navigare durante la luna di miele o le funzioni religiose

Sta diventando socialmente accettabile?

PC Tools è una software house che si dedica alla creazione di applicazioni per la manutenzione e la sicurezza dei personal computer. Recentemente l’azienda ha svolto un piccolo sondaggio interpellando circa un migliaio di adulti americani, allo scopo di capire quanto fosse importante per loro restare connessi e quanto invece fossero negligenti con le misure di sicurezza mentre stavano surfando.

I risultati sono ovviamente deprimenti per chi ha mai avuto a cuore il destino della razza umana. Il 29% degli intervistati ha dichiarato sensata l’idea di connettersi durante la propria luna di miele, il 6% non vede nulla di strano nel surfare durante un matrimonio. L’8% è meno specifico e ritiene che non ci sia nulla di male nel controllare Internet tra una preghiera e l’altra durante una qualsiasi funzione religiosa. Il 41% verrebbe probabilmente pugnalato a colpi di forchetta da mia madre: secondo questa forte minoranza è accettabile restare online quando si cena con parenti o amici.

Le cose peggiorano ulteriormente. Più di tre quarti degli intervistati farebbe letteralmente di tutto piuttosto che occuparsi della manutenzione del proprio computer: rimanere imbottigliati nel traffico, subire un intervento odontoiatrico, cambiare un pannolino, fare il bucato, persino sottoporsi ad una colonoscopia...

Chiaramente gli utenti qui i soggetti hanno esagerato i propri sentimenti a scopo umoristico e non dobbiamo scordare che l’intero sondaggio è stato fatto a scopo di marketing, con evidenti interessi commerciali in ballo. Certo, ci sono molte spiegazioni valide e la serietà delle risposte è questionabile, eppure una vocina interiore, intrigante ma realistica, continua a insinuare nel nostro cervello che è tutto fin troppo vero. E che, ovviamente, non è un fenomeno limitato agli Stati Uniti.

Immagine CC di flawedartist

17 settembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us